Widgets Magazine
02:44 18 Luglio 2019
Kim Jong-un

Diplomazia o attacco nucleare: come America promette di difendere alleati da Nord Corea

© REUTERS / KCNA
Politica
URL abbreviato
914

La comunità internazionale sta seguendo da vicino gli eventi che si susseguono nella penisola coreana dopo che la Corea del Nord ha testato la bomba all'idrogeno, che può essere armata su un missile balistico intercontinentale.

Seul è sicura che la prossima volta Pyongyang testerà un missile lanciandolo verso il Pacifico, allo stesso tempo gli Stati Uniti dichiarano di voler difendere i propri alleati nella regione, Giappone e Corea del Sud, utilizzando l'intero insieme di misure diplomatiche, così come le armi convenzionali e nucleari.

Il ministero della Difesa del Giappone ha stimato la potenza dell'esplosione della bomba nucleare nordcoreana in 70 chilotoni, valore molto superiore alle bombe atomiche cadute nelle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki nel 1945.

Pertanto senza dubbio Pyongyang è in possesso di armi nucleari e può concretizzare le sue minacce lanciando missili in direzione di Guam, dove si trovano basi militari americane. Si può solo cercare di indovinare dove e quando verrà lanciato il prossimo missile.

Secondo Mosca in relazione alle misure diplomatiche, gli Stati Uniti portano avanti con Pyongyang un dialogo "su un canale semi-nascosto e semi-ufficiale". Di fatto i preparativi per respingere un possibile attacco da parte della Corea del Nord vanno avanti con l'aiuto di mezzi militari.

La Corea del Sud e gli Stati Uniti, senza aspettare il nuovo lancio missilistico nordcoreano, hanno avviato le consultazioni per il dislocamento nel territorio sudcoreano di una portaerei e dei bombardieri strategici americani.

Inoltre il ministero della Difesa della Corea del Sud ha annunciato piani veloci per il dispiegamento di altri quattro postazioni di lanciamissili di difesa aerea Thaad.

Da parte sua il Giappone ritiene necessario migliorare il potenziale della difesa missilistica nazionale, anche attraverso lo schieramento dei sistemi americani Aegis Ashore.

Allo stesso tempo Tokyo ritiene necessario condurre consultazioni con la Russia sulla crisi coreana.

Mosca ritiene che l'ulteriore rafforzamento delle pressioni tramite le sanzioni sulla Corea del Nord sia controproducente e pericoloso e che tutte le questioni debbano essere risolte ricercando una soluzione politico-diplomatica.

Il capo della diplomazia europea Federica Mogherini ha definito il test nucleare nordcoreano come una grave provocazione e una minaccia alla sicurezza internazionale.

Una fonte diplomatica a Bruxelles ha detto a Sputnik che l'Unione Europea potrebbe svolgere un ruolo costruttivo per organizzare negoziati con le autorità di Pyongyang per risolvere la minaccia nucleare.

"L'Unione Europea ha più opportunità diplomatiche per risolvere la crisi rispetto agli Stati Uniti, credo che l'Unione Europea possa condurre il dialogo con Pyongyang di concerto con altri mediatori internazionali", ha detto l'interlocutore dell'agenzia.

Correlati:

Russia, ministero Esteri minaccia risposta militare a dispiegamento THAAD in Corea del Sud
Seul pianifica di attaccare la Corea del Nord in risposta a test nucleare di ieri
Corea, Seul: Pyongyang pronta a lanciare missili balistici
Corea: riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza Onu
Merkel e Macron si schierano per rafforzamento sanzioni UE contro la Nord Corea
Trump non esclude uso della forza contro la Corea del Nord
Corea del Nord ha realizzato nuovo test nucleare
Tags:
Geopolitica, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, Occidente, Guerra, Missile intercontinentale, test nucleare, Test bomba atomica, Unione Europea, Federica Mogherini, Penisola coreana, Corea del Sud, Corea del Nord, Giappone, UE, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik