Widgets Magazine
18:24 17 Luglio 2019
Congresso USA

Americani d'origine russa chiedono a Trump di fermare la crociata contro la Russia

© Sputnik . Igor Mikhalev
Politica
URL abbreviato
11143

Il movimento civico "Congresso dei russi americani" ha inviato una lettera al presidente degli Stati Uniti Donald Trump chiedendo di non firmare la legge che prevede nuove sanzioni contro la Russia.

Nella lettera firmata dalla presidentessa dell'organizzazione Natalia Sabelnik si esprime rammarico per gli "sforzi compiuti da alcuni membri del Congresso che lavorano per assicurarsi che le sanzioni imposte dall'amministrazione Obama nei confronti della Federazione Russa siano permanenti".

"Non c'è dubbio che il corso dell'amministrazione precedente sulle relazioni russo-americane abbia destabilizzato la situazione sulla scena mondiale. La decisione di Obama di imporre sanzioni contro la Russia mette a rischio gli sforzi per mantenere la pace e genera inutili perdite economiche," — si afferma nella lettera aperta pubblicata sul sito web dell'organizzazione.

"Questa crociata di Obama, che voleva assediare e contenere la Russia ma si è rivelata inefficace, è diventata inoltre un serio ostacolo sulla via del dialogo costruttivo tra gli Stati Uniti e la Russia", — osserva la Sabelnik.

Correlati:

Il voto sulle nuove sanzioni antirusse alla Camera dei Rappresentanti USA. VIDEO
Esperto: da Trump dipendono i rapporti UE e USA sulle sanzioni contro la Russia
Financial Times rivela reazione UE alle nuove sanzioni USA contro la Russia
Casa Bianca: ancora nessuna decisione da Trump per nuove sanzioni contro la Russia
Forbes: Gazprom accelera lavori su “Turkish Stream” temendo le nuove sanzioni USA
Iran promette misure simmetriche in risposta a sanzioni USA
Media: compagnie USA invitano a rivedere progetto sanzioni antirusse
Tags:
Russofobia, Politica Internazionale, Società, Diplomazia Internazionale, Occidente, sanzioni antirusse, Casa Bianca, Congresso USA, Donald Trump, Barack Obama, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik