14:03 02 Giugno 2020
Politica
URL abbreviato
11212
Seguici su

Il ministro dell'Economia spagnolo ha svelato cupe previsioni economiche per gli indipendentisti catalani.

"L'indipendenza della Catalogna porterà diversi problemi, — ha dichiarato il ministro Luis De Guindos in un'intervista al quotidiano spagnolo ABC. — Il numero dei disoccupati nella regione raddoppierà, il PIL diminuirà del 25-30%. Non è propaganda, sono i risultati di una seria e approfondita analisi economica effettuata dai nostri esperti".

Il ministro ha osservato che "la secessione della Catalogna porterà danni anche a Madrid, tuttavia le dimensioni non sono paragonabili: la Catalogna indipendente automaticamente uscirà dell'eurozona e sarà fuori dalla UE, come più volte avvertito."

"Stare fuori dalla UE significa perdere l'opportunità di libero scambio con 27 Paesi, l'imposizione di dazi renderà più cari i prodotti catalani, che pertanto non saranno più competitivi. L'emissione della propria moneta sarà accompagnata da alta inflazione e svalutazione. Tutto questo i leader indipendentisti catalani non vogliono dirlo, perseguendo i loro obiettivi segreti. Il governo spagnolo non può permettere che l'imbroglio abbia la meglio, quindi è obbligato ad adottare le misure per rendere illegittimo il referendum sull'indipendenza".

Correlati:

Perché l’Europa dovrebbe guardare benevolmente un referendum in Catalogna
Spagna, Catalogna: referendum indipendenza il 1 ottobre
La Catalogna riconoscerà l’appartenenza russa della Crimea
Catalogna, sostenitori dell'indipendenza per la prima volta in testa secondo sondaggio
Nonostante stop Corte Costituzionale la Catalogna insiste per l'indipendenza
Catalogna sempre più lontana da Madrid: ok a iter indipendenza
Tags:
Indipendenza, referendum, Economia, Unione Europea, Luis De Guindos, Catalogna, Spagna, UE
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook