21:30 23 Agosto 2017
Roma+ 24°C
Mosca+ 18°C
    Marines statunitensi (foto d'archivio)

    Ambasciata russa in Norvegia critica duramente decisione di Oslo su presenza marines USA

    © AP Photo/ Sakchai Lalit
    Politica
    URL abbreviato
    111648173

    La decisione della Norvegia di estendere la permanenza dei marines americani sul loro territorio avrà un impatto negativo sulle relazioni con la Russia e potrebbe esacerbare le tensioni nel lato settentrionale della NATO, segnala la Reuters riferendosi all'Ambasciata russa ad Oslo.

    In precedenza il governo norvegese aveva annunciato che 330 marines americani sarebbero rimasti nel Paese fino alla fine del 2018.

    "Crediamo che questo passo sia contrario al corso politico norvegese sul non dislocamento di basi militari straniere nel Paese in tempo di pace", — l'agenzia riporta il comunicato della missione diplomatica.

    Questa mossa "rende la Norvegia un partner non completamente prevedibile, può inoltre aumentare la tensione e destabilizzare la situazione nella regione settentrionale", affermano i diplomatici russi.

    Trecento marines statunitensi erano arrivati lo scorso gennaio in Norvegia per partecipare al programma di addestramento militare di 6 mesi. I militari americani si trovano in territorio norvegese a rotazione all'interno di un accordo bilaterale sulla cooperazione nel campo della formazione militare e delle esercitazioni. La decisione relativa era stata presa dal governo norvegese nell'ottobre dello scorso anno.

    I militari americani si trovano nella base di Vaernes vicino Trondheim.

    Correlati:

    Premier Norvegia: Russia non è una minaccia, ma ci preoccupa sua imprevedibilità
    La Norvegia si lamenta della complessità dei sottomarini russi
    La Norvegia chiede a Trump “politica chiara e prevedibile” sulla Russia
    Tags:
    Geopolitica, Politica Internazionale, Difesa, Diplomazia Internazionale, Sicurezza, Ambasciata, esercito USA, NATO, Norvegia, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik