Widgets Magazine
02:59 18 Settembre 2019
Presidente siriano Bashar Assad

A Mosca sicuri, USA preparano operazione per rovesciare Assad

© Foto : Il dipartimento delle relazioni pubbliche siriano
Politica
URL abbreviato
32437
Seguici su

Il senatore ed ex funzionario dei servizi segreti russi Igor Morozov ritiene che gli Stati Uniti stiano preparando un'operazione su larga scala per deporre il presidente siriano Bashar Assad e instaurare un governo fedele a Washington organizzando provocazioni e false-flag contro le forze governative.

La coalizione guidata dagli Stati Uniti ha abbattuto ieri un drone in fase d'attacco delle forze governative siriane.

"Gli Stati Uniti stanno cercando di prendere l'iniziativa strategica in Siria mettendo in piedi una "rivoluzione colorata" e tramite l'impiego delle forze armate preparano l'offensiva su Damasco per rimuovere dal potere l'attuale presidente siriano Bashar Assad e mettere un governo da loro controllato," — ha dichiarato Morozov.

Il senatore è convinto che gli Stati Uniti continuano a destabilizzare la situazione in Siria cercando di far saltare gli accordi sulla risoluzione pacifica della crisi che sono stati raggiunti ad Astana e Ginevra.

Ritiene inoltre che l'abbattimento del drone sia un false-flag organizzato dai servizi segreti americani insieme alle forze dell'opposizione anti-Assad a loro subordinate.

Correlati:

Siria, nuovo raid della coalizione USA contro le forze di Assad
Nuovo raid della coalizione occidentale contro le forze governative siriane
Quartier generale alleato della Siria minaccia USA di ritorsioni
Assad: Trump non ha mantenuto le promesse fatte in campagna elettorale
Siria, Usa: non lavoreremo mai con il governo di Assad
Assad: "Trump non ha linea, in USA tutti politici mentono e si piegano ad establishment"
Tags:
Geopolitica, Politica Internazionale, destabilizzazione, Opposizione siriana, crisi in Siria, Coalizione USA anti ISIS, Igor Morozov, Bashar al-Assad, Medio Oriente, Siria, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik