00:17 21 Settembre 2018
Palazzi della UE a Bruxelles

Rappresentanti permanenti dei Paesi UE dicono sì a proroga sanzioni contro Crimea

© AP Photo / Virginia Mayo
Politica
URL abbreviato
5111

I rappresentanti permanenti dei Paesi membri della UE (COREPER) hanno concordato l'estensione per un anno delle sanzioni contro la Crimea, tuttavia la decisione ufficiale verrà presa il prossimo 19 giugno, ha rivelato all'agenzia stampa RIA Novosti una fonte nel Consiglio della UE.

"Oggi i rappresentanti permanenti hanno deciso di prorogare le sanzioni di 1 anno senza introdurre alcuna modifica. Se non cambierà nulla, il consiglio per gli affari Esteri approverà questa decisione nella prossima riunione (19 giugno, ndr)", — ha detto la fonte.

Ha osservato che i ministri degli Esteri dei Paesi della UE formalmente approveranno l'estensione delle sanzioni senza discussione. Le attuali sanzioni contro la penisola sono valide fino al 23 giugno.

Le sanzioni contro la Crimea sono state introdotte nel giugno 2014. Inizialmente le restrizioni riguardavano il divieto d'importazione nella UE di merci della Crimea senza certificazioni ucraine, in seguito Bruxelles ha vietato le esportazioni di una notevole quantità di merci europee ed ha vietato gli investimenti nell'economia della penisola.

Correlati:

Crimea reagisce con filosofia alle sanzioni occidentali
La Crimea ha intenzione di contestare le sanzioni nei tribunali europei
Imprenditori italiani rivelano lo schema per aggirare le sanzioni UE contro la Crimea
L’Europa aggira le sanzioni e continua a fare affari con la Crimea
Tags:
Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, sanzioni antirusse, Coreper, Unione Europea, UE, Crimea, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik