13:28 06 Marzo 2021
Politica
URL abbreviato
24125
Seguici su

Il segretario della Difesa americano James Mattis si è espresso contro la militarizzazione delle isole artificiali nel Mar Cinese Meridionale e non ha escluso il confronto con la Cina, segnala l'agenzia France-Presse.

"La portata e l'effetto delle attività della Cina nel Mar Cinese Meridionale relativamente alla costruzione delle isole artificiali si distinguono da azioni simili intraprese da altri Stati… Includono la militarizzazione, ignorano il diritto internazionale e disprezzano gli interessi degli altri Paesi", — l'agenzia cita le parole di Mattis.

Allo stesso tempo la Reuters riferisce che il numero uno del Pentagono ha paventato la possibilità di "frizioni" tra la Cina e gli Stati Uniti.

Mattis ha inoltre toccato il tema delle relazioni economiche tra i due Paesi.

"La Cina e gli Stati Uniti sono le più grandi economie del mondo, sono destinati a competere, ma il conflitto non è inevitabile. I nostri Stati possono cooperare per benefici reciproci. Lavoreremo a stretto contatto con la Cina nei settori in cui abbiamo obiettivi comuni," — l'Associated Press riporta le parole del segretario della Difesa americano.

Correlati:

Cina esorta USA a porre fine a provocazioni nel mar Cinese Meridionale
Russia e Cina hanno tolto agli USA lo status di "superpotenza"
In Cina eliminati non meno di 10 informatori della CIA negli ultimi anni
Putin delinea la cooperazione con la Cina
Putin sostiene il progetto economico della Cina per il continente eurasiatico
Cina reagisce bruscamente al pattugliamento della Marina USA nel Mar Cinese meridionale
“Un'alleanza sul modello NATO tra Cina e Russia fermerà gli USA”
Tags:
Geopolitica, Politica Internazionale, Difesa, Sicurezza, Pentagono, James Mattis, Mar Cinese Meridionale, Asia, USA, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook