05:45 26 Aprile 2019
Presidente Venezuela

Venezuela, l’Organizzazione Stati Americani non trova intesa: a vuoto negoziato Washington

© AP Photo / Andrew Medichini
Politica
URL abbreviato
250

Nessuna delle due mozioni ha raggiunto i voti necessari.

Si è conclusa con un nulla di fatto la riunione dell'Organizzazione degli Stati Americani (OAS) convocata sulla crisi del Venezuela. I rappresentanti di 34 nazioni americane, di cui 18 ministri degli Esteri, si sono riuniti a Washington senza successo: nessuna delle due posizioni che si erano delineate alla vigilia sulla situazione politica nel Paese di Nicolas Maduro ha raggiunto i 23 voti necessari per essere approvate.

La posizione sostenuta da Stati Uniti, Canada, Messico, Perù e Panama era volta a sollecitare il presidente venezuelano a convocare elezioni anticipate e sulla liberazione dei prigionieri politici, mentre altri paesi, specie caraibici, chiedevano una pacificazione tra le forze che si contrappongono nel Paese.

Il ministro degli Esteri del Guatemala, Carlos Raul Morales, che ha presieduto l'incontro, ha dovuto prendere atto che nessun consenso è stato raggiunto a Washington su come affrontare le turbolenze in Venezuela. Scontri e proteste in cui si sono registrate più di 60 vittime dall'inizio di aprile. Il negoziatore delle Bahamas ha dichiarato tuttavia che le nazioni partecipanti hanno accettato di continuare a parlare.

Le pressioni dell'OAS non piacciono comunque a Maduro: il 29 aprile il Venezuela ha inviato una lettera all'assise in cui ha annunciato il ritiro dall'organizzazione. Un processo che richiede almeno due anni, ma che Maduro vuole portare a casa speditamente.    

Correlati:

Venezuela, Trump: Usa lavoreranno con Colombia per risolvere il conflitto interno
Venezuela, presidente Maduro aumenta pensioni e salario minimo sullo sfondo delle proteste
Venezuela avvia iter per uscire da Organizzazione degli Stati americani
Tags:
Organizzazione degli Stati americani - OAS, Carlos Raul Morales, Nicolas Maduro, USA, Venezuela
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik