06:58 18 Gennaio 2018
Roma+ 2°C
Mosca-9°C
    Segretario della Difesa USA (Pentagono) James Mattis

    Segretario Difesa USA: NATO non è una minaccia per la Russia

    © AP Photo/ Evan Vucci
    Politica
    URL abbreviato
    25220

    Il numero uno del Pentagono James Mattis ritiene che la NATO non rappresenti una minaccia per la Russia e a Mosca ne sono consapevoli.

    "Perché vedono la NATO come una minaccia va oltre la mia comprensione. E' evidente che la NATO non è una minaccia, ma ora la Russia ha deciso di diventare un avversario strategico per diversi motivi. La cosa principale è che la NATO non è una minaccia. Loro lo sanno, non hanno dubbi in proposito", — ha detto Mattis in onda del canale CBS.

    Allo scorso vertice della NATO a Bruxelles si è deciso di preparare piani annuali nazionali per aumentare il contributo alla difesa. In questi i Paesi membri indicheranno di voler aumentare le spese per la difesa fino al 2% del PIL per investire in strutture chiave e partecipare alle operazioni della NATO.

    Dai Paesi Baltici e dalla Polonia arrivano ripetutamente dichiarazioni sulla presunta minaccia russa, anche se a Mosca hanno più volte sottolineato che la Russia non attaccherà mai nessun Paese della NATO. Secondo il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, nella NATO sono ben consapevoli della mancanza di piani di Mosca per attaccare, tuttavia sfruttano il tema della minaccia russa per dislocare a ridosso dei confini con la Russia un maggior numero di mezzi militari e battaglioni.

    Correlati:

    Membro del governo americano giudica utile qualsiasi canale di comunicazione con la Russia
    Alla NATO sono consapevoli dell'impossibilità di rafforzare la sicurezza senza Russia
    Polonia: la Russia è la principale minaccia per la NATO
    Spiegel Online: la Russia e la campagna diffamatoria contro la NATO
    Un terzo dei russi ritiene possibile la guerra tra Russia e USA-NATO
    Tags:
    Geopolitica, Difesa, Sicurezza, Pentagono, NATO, James Mattis, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik