04:47 23 Giugno 2018
Sergey Lavrov

Lavrov commenta dichiarazione generale siriano sulle armi chimiche di Damasco

© Sputnik . Vitaliy Belousov
Politica
URL abbreviato
12292

Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha commentato le dichiarazioni di un generale siriano disertore che sostiene che Damasco sia in possesso di armi di distruzione di massa.

Il quotidiano britannico Daily Telegraph in precedenza ha pubblicato l'articolo del generale siriano Zaher al-Sakat che ha abbandonato la Siria quattro anni fa. Secondo al-Sakat, Damasco avrebbe nascosto all'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) centinaia di tonnellate di armi chimiche.

Lavrov ha osservato che al-Sakat ha disertato nel 2013, lo stesso anno che Russia e Stati Uniti hanno raggiunto l'accordo per il disarmo chimico in Siria e Damasco ha aderito alla Convenzione sulla proibizione delle armi chimiche.

Secondo il ministro russo, nel 2014 le autorità siriane hanno consegnato all'OPCW i dati relativi alle scorte di questo tipo di armi e la stessa organizzazione ha avuto modo di verificarli direttamente.

Lavrov ha sottolineato che la quantità totale delle sostanze chimiche in possesso di Damasco era stata registrata in 1.300 tonnellate, mentre al-Sakat parla di un ammontare complessivo che si aggirerebbe introno alle 2.000 tonnellate. Il ministro non crede a tale dichiarazione, ritenendo inverosimile che si possano nascondere 700 tonnellate di sostanze tossiche.

 

Correlati:

Telefonata tra ministri Esteri Russia e Cina: focus su Siria e penisola coreana
Astana spiega perché si è astenuta dal voto per la Siria al Consiglio di Sicurezza ONU
Siria, Lavrov: Usa e loro alleati rispettino la sovranità nazionale del paese
Tags:
Articolo, Dichiarazione, commento, Armi chimiche, Sergej Lavrov, Siria, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik