04:19 18 Dicembre 2017
Roma+ 5°C
Mosca+ 1°C
    Idlib, Siria

    Attacco chimico, Russia aspetta le prove degli Stati Uniti sulla colpevolezza di Assad

    © REUTERS/ Ammar Abdullah
    Politica
    URL abbreviato
    11342

    Le autorità statunitensi devono presentare "prove evidenti" che dimostrino che l'attacco chimico a Khan Shaykhun sia stato perpetrato dalle forze governative siriane, ha detto in una conferenza stampa il portavoce del ministero della Difesa russo, il generale Igor Konashenkov.

    "Sono infondate tutte le argomentazioni americane sulle violazioni di Damasco della convenzione sulla proibizione delle armi chimiche del 2013. Abbiamo già detto che l'esercito siriano non ha usato le armi chimiche. Aspettiamo dagli Stati Uniti prove indiscutibili ed evidenti che dimostrino la responsabilità dell'esercito siriano nell'attacco di Khan Shaykhun," — ha detto Konashenkov.

    Ha ricordato che tra il 2013 e 2016 il governo siriano ha pienamente rispettato tutte le misure per la distruzione del proprio arsenale chimico e delle centrali per la produzione di queste armi.

    "Sono state distrutte tutte le scorte, dal territorio siriano sono stati portati via i componenti e le apparecchiature per la produzione di armi chimiche, lo smaltimento è stato realizzato da imprese di Stati Uniti, Finlandia, Regno Unito e Germania", — ha ricordato Konashenkov.

    Correlati:

    "Raid USA coinciso con offensiva dell'ISIS contro esercito siriano"
    Cremlino: dopo raid USA cresciuti rischi di scontro tra forze russe e americane in Siria
    Ministero Difesa russo: solo 23 missili su 59 hanno colpito la base militare siriana
    Lavrov: “raid USA utile solo a chi vuole cambio di potere in Siria e sabotare la pace”
    Siria, forze filo-Assad: raid USA è violazione del diritto internazionale
    Reazione di Putin al raid americano in Siria: “aggressione contro Stato sovrano”
    Attacco Usa in Siria: Tillerson: nessun contatto con Mosca né prima né dopo
    Tags:
    generale Igor Konashenkov, Difesa, Sicurezza, Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, crisi in Siria, Esercito della Siria, ministero della Difesa della Federazione Russa, Bashar al-Assad, Siria, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik