11:44 18 Gennaio 2021
Politica
URL abbreviato
891
Seguici su

L'ex consigliere della sicurezza nazionale statunitense Michael Flynn si è offerto di essere interrogato dagli inquirenti federali e del Congresso in connessione con l’indagine nella squadra del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sui presunti legami con la Russia in cambio di immunità dal processo.

Secondo il Wall Street Journal, Flynn ha fatto un'offerta sia all'FBI che alle commissioni intelligence di Camera dei rappresentanti e Senato, ma comunque nessun accordo è stato fatto finora.

L'avvocato di Flynn Robert Kelner ha confermato la volontà di Flynn di testimoniare "qualora le circostanze lo permettano" non fornendo altri dettagli.

"Il generale Flynn — ha detto il legale in un comunicato — ha certamente una storia da raccontare, e ci tiene molto a dirlo, se le circostanze lo consentono. In segno di rispetto per le commissioni, non commenteremo in questo momento i dettagli dei colloqui tra il consiglio per il generale Flynn e i comitati di intelligence, se non per confermare che queste discussioni hanno avuto luogo".

Il 13 febbraio, Flynn ha annunciato le sue dimissioni dopo che i media hanno riferito che avrebbe tratto in inganno l'amministrazione Trump circa l'entità dei suoi colloqui con i funzionari russi. Tuttavia, Flynn non ha ammesso alcun illecito nella sua lettera di dimissioni.

Correlati:

Media: Flynn non ha notificato al Pentagono di aver parlato con una studentessa russa
Tags:
Testimone, Dimissioni, FBI, Michael Flynn, Russia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook