21:15 23 Marzo 2017
    Edificio del Parlamento ucraino

    Ucraina, presidente Parlamento “celebra” il centenario della conquista della Crimea

    © Sputnik.
    Politica
    URL abbreviato
    141701433

    In una seduta del Parlamento, il presidente della Verchovna Rada Andriy Paruby ha sostenuto che 100 anni fa le truppe ucraine erano riuscite a strappare la Crimea alla Russia. Il testo del suo discorso è stato pubblicato sul sito del Parlamento ucraino.

    Paruby ha tenuto un discorso in occasione della cosiddetta "rivoluzione ucraina" durante gli eventi del 1917-1921, diventati parte delle Rivoluzioni di Febbraio e Ottobre e della guerra civile in Russia.

    "Nell'aprile 1918 l'esercito ucraino sotto il comando del colonnello Peter Bolbochan aveva conquistato la Crimea e il Donbass dagli occupanti russi", — ha detto, aggiungendo che "prima o poi" l'Ucraina sarà in grado di riconquistare la penisola e le zone non controllate delle regioni orientali.

    Peter Bolbochan era stato uno dei capi militari della "Repubblica Popolare Ucraina" proclamata nel 1917. Durante la guerra civile aveva guidato le truppe all'occupazione di Poltava e Kharkov. Nell'aprile del 1918, i soldati sotto il suo comando erano entrati a Simferopoli, ma ben presto avevano lasciato la Crimea su richiesta delle truppe di occupazione tedesche di stanza nella penisola.

    Correlati:

    Più di un terzo dei tedeschi e degli italiani ritengono la Crimea parte della Russia
    Deputati serbi si apprestano a visitare la Crimea alla fine di marzo
    L'Unione Europea riconoscerà la Crimea solo in un caso
    Artemenko: gli USA hanno il diritto di pretendere la Crimea
    I tatari di Crimea non vogliono trasferirsi in Ucraina
    Poroshenko promette di “non lasciare senza supporto” gli abitanti della Crimea
    Pushkov: la Crimea fa a meno della "preoccupazione" di Poroshenko
    Tags:
    prima guerra mondiale, URSS, Russofobia, Storia, Parlamento, Andrij Parubij, Crimea, Ucraina, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • GIlgamesh
      Patetico e risibile, solo così può essere definito un discorso di tal fatta, che guarda ad un passato lontano , peraltro omettendo di dire che nel 1920 la Russia si riprese la Crimea.
      Sicuramente l'oratore sa benissimo che non vedrà nulla di quanto ha preconizzato, per cui si lascia andare a nostalgiche quanto sterili reminiscenze storiche, ricercando , ad un tempo, consolazione ed illusione in un domani più che ipotetico, favolistico ,viste le attuali pessime prospettive del suo Paese.
      L'unico avvenimento a cui egli ed i suoi colleghi potranno verosimilmente assistere è il costante declino dell' Ucraina, almeno di ciò che ne resta, il suo misero asservimento all'occidente e la definitiva perdita, anche delle province del sud-est già, de facto, in essere.
    • straker
      il classico ruggito del topo.
    • avatar
      francescoslossel
      delirio... comunque ammette che la Crimea ha radici russe!
    • avatar
      Claudio CalandriniIn risposta GIlgamesh(Mostra commentoNascondi commento)
      Storia o non storia quello che conta è che la sovranità popolare si è espressa per la riunificazione con la Russia.

      Il 20 Marzo saranno 3 anni dalla ratifica della Duma.

      De facto Russia!
    • GIlgameshIn risposta Claudio Calandrini(Mostra commentoNascondi commento)
      Claudio Calandrini, infatti! quello che conta è la realtà, lasciamoli pure ai loro sogni ad occhi aperti, un caro saluto
    Mostra nuovi commenti (0)