15:21 23 Marzo 2017
    Casa Bianca

    Amministrazione Trump sfida Pechino: in programma "grandi forniture" di armi a Taiwan

    © flickr.com/ Phil Roeder
    Politica
    URL abbreviato
    161263122

    L'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha in mente di realizzare grandi forniture di armi a beneficio di Taiwan; tra le armi consegnate potrebbero essere inclusi missili e missili anti-nave. Lo segnala la Reuters con riferimento alle autorità americane.

    "C'è la volontà politica di effettuare grandi forniture d'armi", — l'agenzia cita le parole di una fonte anonima nell'amministrazione presidenziale.

    L'interlocutore dell'agenzia ha notato che il discorso riguarda consegne di armi "più grandi rispetto a quelle adottate durante l'amministrazione Obama."

    Secondo le fonti, alla Casa Bianca ci potrebbero volere mesi per superare le barriere esistenti, tra cui la posizione di Pechino. Allo stesso tempo si nota che la discussione di questo problema è già stata avviata.

    Si rileva che la Casa Bianca si è astenuta dal commentare queste informazioni.

    Correlati:

    Cina avverte, “Taiwan non sarà mai indipendente”
    La Cina contro il rafforzamento della cooperazione militare tra USA e Taiwan
    Cina preoccupata da parole di Trump su Taiwan: che prospettive tra Washington e Pechino?
    Trump telefona al presidente di Taiwan: la rabbia di Pechino
    Trump intende accogliere il presidente della Cina nella sua residenza in Florida
    Attacco nucleare preventivo degli Stati Uniti contro Russia e Cina: è realtà o illusione?
    Quest'anno la Cina aumenterà le spese militari del 7%: Pechino spiega il perchè
    Tags:
    Geopolitica, Politica Internazionale, Difesa, Sicurezza, Armi, Casa Bianca, Donald Trump, Taiwan, USA, Cina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • Flanker
      Anche Cuba ha bisogno di armi!!!
    • avatar
      msan.mr
      Giusto Flanker, ora i cinesi possono andare a vendere armi a Cuba e direi anche alle comunità dei nativi americani, che avrebbero il diritto di esistenza riconosciutogli dalla delibera ONU del 2007 sul Diritto di identità delle minoranze!!

      Comunque spero che la Cina chieda all'ONU sanzioni contro gli USA, e schieri la marina davanti all'isola di Formosa cannoneggiando qualunque yankee entrasse nelle sue acque territoriali!

      Auspico una rapida intesa sino-russa anche di tipo militare, e la promozione di esercitazioni congiunte nel mar cinese meridionale e nel mar del Giappone.
    • straker
      A furia di fornire di fornire armi a destra e a sinistra, a qualcuno verrà prima o poi l'idea geniale di usarle per non fare un investimento in perdita?
    • avatar
      Claudio Calandrini
      Tutti segnali forti con conseguenze imprevedibili.
    • avatar
      msan.mr
      Nel nostro paese la cultura del dialogo ha purtroppo, per lo più o il rovescio della polemica o il parteggiamento.

      Che la cultura delle armi sia la meno auspicabile, credo sia indubbio, ma certamente se un ladro entra in casa vostra, non starete lì certo ad offrirgli delle rose!!

      Questo non significa che voi vi armiate perchè è nel DNA umano che a fronte del bene esiste anche il male, ma certamente dal momento in cui gli USA si propongono di fornire armi a Taiwan, riconosciuta internazionalmente come una regione, a speciale autonomia, della Repubblica Popolare Cinese, è evidente che questa non potrà essere disposta a regalare agli USA delle belle rose.

      Per favore, cerchiamo di non essere polemici!
    • avatar
      Sirius
      Si comincia a profilare l'imprevedibilità di Trump.
    Mostra nuovi commenti (0)