19:48 28 Marzo 2017
    Il Kosovo è Serbia: il legame tra la Russia e i serbi

    Financial Times consiglia a USA e UE di aspettarsi la Russia nei Balcani, non nel Baltico

    RT
    Politica
    URL abbreviato
    192748626

    La Russia sfrutta attivamente i suoi legami culturali con le popolazioni di religione ortodossa dei Balcani, mentre l'influenza di Bruxelles nella regione al contrario è in declino per l'evaporazione delle prospettive di allargamento della UE, scrive il Financial Times.

    Pertanto il giornale consiglia ai leader europei di sforzarsi per ridare energia alla sua posizione nei Balcani e mostrare ai popoli della regione che l'Europa continua a percepire sul serio i loro problemi.

    La UE e la NATO cercano di indovinare da che parte la prossima volta che arriverà la sfida della Russia. Ma secondo i giornalisti del Financial Times non si dovrebbero preoccupare degli Stati Baltici, ma guardare a sud-est in direzione dei Balcani.

    Dopo gli anni '90, contrassegnati dalle guerre interne nei Balcani, si è riusciti a portare stabilità nella regione grazie a 2 fattori: hanno dato un contributo le prospettive, seppur lontane, di adesione alla UE, cosa che alla fine avrebbe aiutato ad unire i popoli dell'ex Jugoslavia, come ad esempio accaduto a suo tempo tra Francia e Germania; allo stesso tempo ha giocato un ruolo il sostengo degli Stati Uniti e l'idea in caso di conflitto sarebbe intervenuta la NATO.

    Ora alla luce della crisi economica, dell'afflusso di profughi, della Brexit e della crescita del nazionalismo in Europa, è difficilmente prevedibile un nuovo allargamento dell'Unione Europea, allo stesso tempo Donald Trump sembra non avere alcun interesse per i Paesi ai margini dell'Europa, si afferma nell'articolo.

    Queste condizioni possono creare un'opportunità per la Russia per respingere la diffusione dell'influenza europea e americana e per cercare di ricostruire le alleanze e forse i confini. "Mosca gioca sui suoi legami culturali con i popoli slavi ortodossi".

    Secondo l'articolo, dietro qualsiasi tentativo di surriscaldare l'atmosfera nei Balcani c'è la mano di Mosca. In merito si sostiene che il piano per realizzare un colpo di stato ad ottobre in Montenegro, originariamente attribuito ai nazionalisti serbi, sarebbe stato effettivamente orchestrato con il sostegno dei servizi segreti russi per evitare l'adesione del Paese nella NATO. Il treno diretto verso i confini del Kosovo con la scritta "Il Kosovo è Serbia" era stato fatto in Russia. Inoltre la Russia sostiene il presidente nazionalista della Repubblica Serba di Bosnia, che ambisce all'indipendenza da Sarajevo, così come prende le difese di diversi partiti politici in Macedonia contrari all'integrazione europea.

    Per difendere la regione dalla Russia ed evitare altri "uomini verdi" (soldati in mimetica), gli Stati Uniti e l'Unione Europea devono lottare per rendersi popolari nei Balcani. Nonostante i propri punti di vista, i consiglieri e funzionari scelti da Donald Trump suggeriscono che Washington resta interessata agli sviluppi geopolitici in Europa.

    Tuttavia anche se le prospettive di adesione alla UE dei Balcani sono ridotte, l'Europa ha le sue leve per influenzare la situazione. In termini di assistenza economica, di capacità d'investimento e relazioni commerciali, l'Unione Europea è molto più avanti della Russia. Nonostante tutti i legami culturali con la Russia, l'emigrazione dai Balcani viene quasi interamente assorbita dall'Europa.

    Ma solo semplici promesse e qualche piccolo investimento non saranno sufficienti per l'Europa per rimediare la situazione. La UE dovrebbe impegnarsi in questa regione molto più attivamente, si afferma nell'articolo. Occorre monitorare attentamente la situazione, confrontarsi con la disinformazione russa e i leader europei devono recarsi costantemente in visita nella regione per dimostrare che percepiscono ancora i Balcani e i loro problemi seriamente.

    "Prima di tutto, questo richiede volontà politica, senza cui la regione più problematica dell'Europa potrà scivolare indietro nel suo passato oscuro, con conseguenze pericolose per l'intero continente," — conclude il Financial Times.

    Correlati:

    Theresa May promette di difendere i Balcani dall'aggressione russa al vertice UE
    Fondamentalismo islamico fattore destabilizzante dei Balcani
    Vienna propone di creare centri di accoglienza per profughi in Georgia e nei Balcani
    Spiegel: nei Balcani sono stanchi di Bruxelles e della sua democrazia
    Le “spie russe” (secondo UE e USA) che salvano le vite nei Balcani
    Nei Balcani Putin è considerato un modello da seguire, Russia sentita più vicina della UE
    La NATO qui non è benvenuta: Russia e Cina garantiranno neutralità militare alla Serbia?
    La Serbia non imporrà sanzioni contro la Russia
    Tags:
    Geopolitica, Politica Internazionale, Difesa, Occidente, Sicurezza, Chiesa Ortodossa, Financial Times, Unione Europea, NATO, Balcani, Kosovo, Serbia, UE, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • avatar
      msan.mr
      Buffoni, ancora una volta si alza la voce dell'ennesimo monito allarmistico!!

      Un canavaccio ormai tedioso ed obsoleto che non aiuta la politica della pace, ma sottende ad una preoccupante ed illiberale "+ Europa".

      Questo è l'ennesimo stimolo alla istigazione alla repressione delle ultime libertà degli europei, in nome di una "muraglia" antirussa!!

      Il fallimento delle campagne sioniste ed anglo-ammerrecane di occupazione della Russia sia per vie politiche che militari, spunge la ossessiva sete di potere delle relative caste, associate nella massoneria​, ad allacciarne il filo conduttore delle due precedenti guerre mondiali, alla attuale guerra fredda da taluni chiamata "terza guerra mondiale".

      Sig. Bergoglio, che ne dice, a proposito dei "muri"? Forse anche a lei piace la favoletta che dipinge "gli ussari russi a cavallo, con le sciabole sguainate, occupare le città europee"?

      Ma la vogliamo smettere sig. Financial Times & Co. con queste storielle da quattro soldi? È tempo di evolvere amici mentalmemte ossidati!

      Fatevi rigenerare le cellule cerebrali, perchè mi sembrano veramente sulla via della degenerazione!
    • avatar
      советский
      Hanno ragione a pensare che la Russia sarà nei Balcani. E' ed era tutto territorio suo prima che arrivassero i Turchi con la violenza a depredare l'Impero Bizantino-Russo. E questa invasione l'hanno pagata con il sangue tutte le Popolazioni incluse e quelle limitrofe. Il Tempo farà Giustizia anche di questo Obbrobrio commesso dallo Stato Turco. Da quel momento non vi è stata più ombra di Pace in quei luoghi. Gli Americani con Clinton, l'hanno cosi si dice in gergo "fatta fuori dal vaso", insieme alle Guerre scatenate dai Tedeschi che forse qualche diritto al contrario dei Turchi avrebbero potuto reclamare su qualche pezzettino di Terra Balcanica.
    • Flanker
      ".....Dopo gli anni '90, contrassegnati dalle guerre interne nei Balcani, si è riusciti a portare stabilità nella regione......"!! Non ho bisogno di leggere ulteriormente!!
      Questi non sono strafatti di captagon, essi sono alinei immondi mostruosi con captagon al posto del sangue!!!

      La Jugostavia è stata distrutta da un mix di armi biologiche (terrorismo islamico e mercenari che comemttevano mostruosità che poi l'immondizia genetica stile Giovanna Botteri attribuivano ai serbi), armi chimiche (uranio impoverito che è responsabile degli altissimi tassi di tumori e leucemie) e armi convenzionali!!!!

      Gli jugoslavi dovrebbero prendere atto di questo fatto soprattutto perchè sono diventati gli schiavi dell'europa occidentale!!! Basta vedere le attuali cartine geografiche per rendersi conto di quale è stato il giochino imperialista!!!!

      UN UNICA JUGOSLAVIA DEVE ESISTERE - IL RESTO SONO MINCHIATE IMPERIALISTE
    • avatar
      советский
      Il Mediterraneo, dal Mar Nero alle Colonne d'Ercole è:
      наше море!
    • avatar
      советский
      La Penisola Balcanica è:
      наша земля
    • avatar
      советский
      L'Italia è:
      Россия Федерация
    • avatar
      советский
      Noi siamo:
      мы итальянский России
    • avatar
      roby.zanella
      Non è una novità . Da tempo dico che unificante delle popolazioni slave sarà la religione ortodossa . Dagli USA non potranno attaccare Putin per dei residui dell'URSS , ma sarà la religione ortodossa che riunificherà : Una cosa che gli USA e Soros non hanno capito dell'Ucraina perché ignoranti come dei vaccari . Kiev è la Roma , è capitale della Chiesa Ortodossa ed solo questione di tempo ma l'Ucraina tornerà sotto l'influenza storica slava
    • avatar
      roby.zanella
      così la Serbia , La religione Ortodossa e il Patriarcato di tutte le Russie sarà l'elemento catalizzante . Lascino perdere il Kossovo che è sempre stato musulmano così la Bosnia , facciano rientrare o chiedano che l'enclave chieda l'autonomia come nel Donmbass , perché il rischio che prima o poi questo succeda con le armi . E così in Bosnia e Croazia dove esistono le enclave russe , forse con la Croazia si potrà vivere con più realtà essendo cattolica .
    • avatar
      советский
      Se vanno avanti così la Russia se la troveranno: in Alaska, in Oregon, in California, in Chile, in Argentina, nel Mexico, nell'Equador, in Perù. Forse in Brasile no perchè li è un mezzo casino.
    • avatar
      советскийIn risposta roby.zanella(Mostra commentoNascondi commento)
      roby.zanella, con le armi, non penso. Perchè quando vedranno che tutto andrà a rotoloni, salteranno automaticamente e di loro spontanea volontà sul Carro del Più Organizzato e del più Forte
    • avatar
      roby.zanella
      La Russia segue una filosofia euroasiatica partendo dai Paesi di religione Ortodossa e nei Balcani ce ne sono ancora fino alla Grecia . Solo Kossovo-Albania-Bosnia e poi verso Turchia sono islamici . Per cui credo che il collante sia la religione ortodossa ecco perché penso che l'Ucraina rimanendo indipendente , ma sarà trascinata dal Patriarca , Kiev è come per i cattolici Roma . Poi ci sarà un rapporto con l'islamismo russo come lo è già per la Cecenia e quindi poi spostandosi verso Est , troviamo gli Sciti ....insomma per dire che la Russia sui Baltici sarebbe ancora un errore . I Baltici sono una appendice del Nord , l'importante che non stuzzichino l'orso per conto di altri . La strategia russa va da S.Pietroburgo a Samarcanda per arrivare a New Delhi passando pure per l'Afghanistan . Questa Russia sarebbe in grado di arrivare pure a mettere d' accordo i Talebani come i Libici , ha una grande capacità diplomatica che non nasconde altri obiettivi come invece hanno avuto sempre gli Americani.
    Mostra nuovi commenti (0)