Widgets Magazine
22:27 20 Agosto 2019
Divisioni nella UE

“L'Europa a più velocità” sostenuta da Berlino e Parigi divide la UE

© Sputnik . Collage
Politica
URL abbreviato
51313

Diversi Paesi dell'Europa orientale hanno criticato le dichiarazioni di Berlino e Parigi relative alla necessità di garantire l'integrazione europea secondo il principio "dell'Europa a più velocità", scrive il quotidiano russo "Izvestia" riferendosi al parere di diversi eurodeputati.

Secondo l'eurodeputato della Lettonia Andrejs Mamikins, i membri dell'Europa occidentale in realtà hanno di fatto dato un ultimatum ai partner dell'Europa orientale.

"Dinanzi ai membri dell'Europa dell'Est pende una domanda non facile: sottomettersi alla volontà dell'Europa occidentale sulla questione dei migranti o restare ai margini dell'Unione Europea", — ha detto Mamikins.

"L'implementazione del concetto di "Europa a più velocità" non farà che aumentare il divario tra i paesi occidentali e orientali", — ritiene l'eurodeputato slovacco Ivan Štefanec.

"Molti Paesi possono cominciare a riflettere sull'uscita dalla UE, minacciando il crollo dell'Unione," — è convinto l'eurodeputato ceco Tomáš Zdechovský.

Questa idea diventata spina nel fianco suggerisce che l'integrazione dei Paesi ad economia più sviluppata sarà più veloce di quella degli altri membri dell'Unione Europea, per i quali fattori politici e finanziari non permettono di partecipare pienamente a tutti i progetti.

L'approvazione definitiva di questo principio è attesa il prossimo 25 marzo durante il vertice UE di Roma.

Correlati:

Juncker all’Europa: “Non indite più referendum perché gli elettori decideranno di uscire”
Paesi dell'Europa dell'Est trovano accordo per dichiarazione comune sul futuro della UE
Immigrazione, governo ungherese sfida Bruxelles
Tags:
Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, Vertice UE, Europarlamento, Unione Europea, Andrejs Mamikins, Tomáš Zdechovský, Ivan Štefanec, Europa occidentale, Europa orientale, Germania, UE, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik