02:10 19 Dicembre 2018
Rappresentante permanente USA all'ONU Nikki Haley

Pushkov: Haley dovrebbe parlare di vittime dello Stato Islamico in Iraq e non della Crimea

© REUTERS / Stephanie Keith
Politica
URL abbreviato
23402

Il senatore russo Aleksey Pushkov ha dichiarato che il nuovo rappresentante permanente degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Nikki Haley dovrebbe parlare della fossa comune di quattromila persone del gruppo terroristico dello "Stato Islamico" in Iraq, piuttosto che della Crimea.

Nel suo primo discorso al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite la Haley ha detto che le sanzioni degli Stati Uniti contro la Russia legate alla Crimea, resteranno in vigore fino a quando la penisola non tornerà sotto il controllo dell'Ucraina.

L'addetto stampa del presidente Dmitry Peskov ha dichiarato che il Cremlino sarà coerente e convincente nel comunicare la sua posizione circa la Crimea e l'Ucraina al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e agli altri partner, senza eccessivo ottimismo circa la posizione degli Stati Uniti riguardo le sanzioni.

"In Iraq hanno trovato una fossa comune contenente 4000 vittime dello Stato Islamico. Dove la voce di Nikki Haley?! Bisogna parlare di questo, non della Crimea. In Crimea va tutto bene" ha scritto Pushkov su Twitter.

Correlati:

Deputato ucraino: l'Ucraina non sarà in grado di riprendersi la Crimea con la forza
Esperto: il riconoscimento della Crimea non è un ostacolo nelle relazioni Russia-Iran
USA: Stato Islamico usa droni per scopi militari
Il numero 2 dello “Stato Islamico” è stato ucciso in un raid russo vicino Aleppo
Tags:
Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, Crimea, Crimea e diritto internazionale, ONU, Nikki Haley, Alexey Pushkov, Iraq, Crimea, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik