20:32 22 Agosto 2017
Roma+ 27°C
Mosca+ 27°C
    Angela Merkel

    Angela Merkel annulla visita in Israele: è delusa dalla legge sulle colonie in Palestina

    © REUTERS/ Hannibal Hanschke
    Politica
    URL abbreviato
    1273481

    Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha annullato il vertice tedesco-israeliana che si sarebbe dovuto svolgere a Gerusalemme il 10 maggio per la sua contrarietà alla legge per legalizzare la costruzione degli insediamenti ebraici nei territori palestinesi. Lo segnala il giornale israeliano Haaretz.

    La ragione ufficiale per la cancellazione della visita sono le elezioni di settembre in Germania.

    Secondo le fonti del giornale, un altro motivo è l'insoddisfazione per la legge approvata in Israele, che legalizza la costruzione degli insediamenti ebraici nel territorio palestinese in Cisgiordania.

    Lo scorso 23 dicembre il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite aveva adottato una risoluzione che chiede ad Israele di fermare la costruzione degli insediamenti nei territori palestinesi.

    Successivamente il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato di non voler rispettare la decisione.

    Il 6 febbraio il Parlamento israeliano ha approvato la legge per la legalizzazione degli insediamenti dei coloni nel territorio palestinese.

    Correlati:

    Damasco critica legge di Israele per legalizzare colonie in territorio palestinese
    Usa-Israele, Trump invita Netanyahu alla Casa Bianca
    Israele-Palestina, Lavrov: pronti a ospitare colloqui tra Abbas e Netanyahu
    Israele riduce i finanziamenti alle Nazioni Unite
    Camera dei Rappresentanti USA condanna la risoluzione ONU su Israele
    Risoluzione ONU: USA abbandonano il loro migliore amico Israele?
    Kiev risponde ad Israele dopo polemiche su voto della risoluzione all'ONU
    Tags:
    Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, Elezioni politiche 2017 in Germania, Angela Merkel, Benjamin Netanyahu, Palestina, Cisgiordania, Israele, Medio Oriente, Germania
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik