22:41 18 Giugno 2018
Politica

A Mosca si ipotizzano le conseguenze delle nuove sanzioni USA contro l'Iran

Politica
URL abbreviato
8121

Il senatore Alexey Pushkov ha ipotizzato che dopo le nuove sanzioni degli Stati Uniti contro l'Iran ci possa essere una nuova crisi in Medio Oriente, sullo sfondo del problema irrisolto della presenza dell'ISIS. Lo ha scritto nella sua pagina Twitter.

"L'ostilità espressa dagli Stati Uniti verso l'Iran può innescare una nuova pericolosa e inutile crisi in Medio Oriente, in una zona dove non è ancora stato risolto il problema dell'ISIS," — ha twittato Pushkov.

​Venerdì gli Stati Uniti hanno redatto una blacklist con i nomi di 13 cittadini di Iran, Emirati Arabi, Cina, Kuwait e Libano. Nella lista ci sono inoltre i nomi di 12 società con sede in Iran, Libano, Cina ed Emirati Arabi.

Le sanzioni riguardano il programma per lo sviluppi di missili balistici e il supporto di Teheran al gruppo sciita libanese "Hezbollah", che Washington considera un'organizzazione terroristica.

Nonostante gli Stati Uniti si siano impegnati a togliere le sanzioni contro l'Iran per il suo programma nucleare, conservano le altre misure afflittive contro Teheran. Le autorità iraniane sostengono che sia una violazione dell'essenza dell'accordo sul programma nucleare, mentre Washington non vede nessun legame.

Correlati:

Sanzioni Usa a Iran, Kosachev: meglio se ci fosse stata discussione multilaterale
L’Iran vuole espandere la cooperazione tecnico-militare con la Russia
Iran, Teheran nega visto ai cittadini statunitensi
Congresso Americano: nuovo disegno di legge per sanzioni contro l'Iran
Tags:
Sanzioni, Terrorismo, Geopolitica, Politica Internazionale, missile balistico, Hezbollah, Alexey Pushkov, Medio Oriente, Iran, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik