Widgets Magazine
06:45 17 Settembre 2019
Negoziati di Astana sulla Siria

Siria: il triumvirato Russia-Iran-Turchia può espandersi

© REUTERS / Mukhtar Kholdorbekov
Politica
URL abbreviato
2110
Seguici su

A margine dei negoziati di Astana del 23 e 24 gennaio, è stata adottata una dichiarazione congiunta da parte di Russia, Iran e Turchia, in cui le parti hanno annunciato la creazione di un meccanismo trilaterale per controllare il cessate il fuoco.

Nei commenti per Sputnik l'orientalista Vladimir Sazhin valuta positive le prospettive per la normalizzazione della crisi siriana tramite il meccanismo trilaterale e ritiene che possa allargarsi.

"Secondo quanto annunciato, l'obiettivo dei negoziati "era quello di garantire un accordo sulla cessazione delle ostilità", ad eccezione di quelle zone dove operano i gruppi terroristici come il Daesh, "Al-Nusra" ed altri gruppi armati ribelli che non hanno firmato la tregua.

L'intesa generale delle parti per consolidare il cessate il fuoco è forse il più importante risultato dei negoziati. Significativo è stato il fatto che ad Astana dialogavano i rappresentanti militari di tutte le parti con controllo di aree specifiche in Siria. Loro possono assicurare le condizioni di tregua per il lavoro dei politici".

Altrettanto importante, — prosegue Sazhin — è stato il cambiamento della posizione della Turchia su alcuni aspetti della crisi siriana e la creazione del triumvirato per il mantenimento della pace di Russia-Iran-Turchia. Forse questo gruppo in futuro sarà il nucleo di un'alleanza più ampia per la pace in Siria.

"Tornando ai negoziati di Astana, possiamo dire che sono stati estremamente utili per chiarire la posizione in campo delle forze del conflitto siriano. Inoltre è stato raggiunto un consenso importante: il desiderio di tutte le parti (ad eccezione dei terroristi, come del resto ovvio) per una tregua. I Paesi garanti — Russia, Turchia e Iran — hanno deciso di creare un meccanismo per osservare il rispetto del cessate il fuoco in Siria.

Speriamo che questa tregua, che regala il diritto alla vita e centinaia di migliaia di siriani, continuerà in futuro, — ha concluso Sazhin.

I negoziati di Astana non possono essere considerati decisivi. Ma hanno creato le basi per un dialogo di successo tra le varie parti in conflitto a Ginevra il prossimo 8 febbraio e successivamente, a quanto pare, per lunghe e difficili trattative ed incontri."

Correlati:

Siria,opposizione dice sì a prolungamento colloqui Astana
A Mosca dubbi sul ruolo degli USA nella normalizzazione della crisi in Siria
Ministero Affari Esteri Kazakhstan: pronti a discutere risoluzione pacifica in Siria
Tags:
Diplomazia Internazionale, Pace, Politica Internazionale, Opposizione siriana, crisi in Siria, Bashar al-Assad, Turchia, Iran, Russia, Siria, Astana
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik