Widgets Magazine
03:16 20 Agosto 2019
Francois Fillon

Fillon teme Trump ed esorta Europa a rafforzare cooperazione con la Russia

© AFP 2019 / Eric Piermont
Politica
URL abbreviato
9143

In un'intervista a Le Monde, il candidato all'Eliseo del centrodestra ha lanciato un appello per creare un'alleanza di difesa europea e ridurre la dipendenza della UE dagli Stati Uniti e parallelamente ripristinare e rafforzare le relazioni con la Russia.

Dopo che il nuovo presidente degli Stati Uniti ha dichiarato che la NATO è un alleanza che ha fatto il suo tempo, l'Europa in coro ha gridato "Trump con Trump, l'Europa deve costruire il proprio sistema di difesa," — ha affermato il candidato alla presidenza francese del Partito Repubblicano Francois Fillon, che ha difeso l'idea d'indipendenza dagli Stati Uniti ed ha proposto di organizzare una conferenza tra l'Europa e la Russia per parlare del nuovo contesto di sicurezza nel continente.

In che modo Francois Fillon, che ha considerato il discorso Trump "molto aggressivo", può riorganizzare la difesa dell'Europa, se sarà eletto all'Eliseo?

Alexandre Vautravers, ricercatore che lavora con l'Istituto per la Sicurezza in Europa (Institut pour la Sécurité en Europe — IPSE) e il Centro di Ginevra per la Politica di Sicurezza (Geneva Centre for Security Policy — GCSP):

L'alleanza di difesa europea è un vecchio progetto in un nuovo contesto:

"Questo progetto di Francois Fillon è coinciso con la Brexit", ovvero nel momento in cui Londra, una delle pedine più importanti in Europa nel campo militare e nella sicurezza, se ne va dalla UE. Questo progetto è coinciso con il momento in cui la Germania pubblica il nuovo "Libro bianco", un piano molto più ambizioso, molto più aggressivo, internazionalista e globale rispetto a tutte quelle politiche di sicurezza a cui la Germania ci ha abituati. Naturalmente questo progetto arriva con l'insediamento di Donald Trump".

Finora tutti i tentativi di creare un'alternativa alla NATO sono naufragati:

"La storia conosce molti tentativi di riavvicinamento, la creazione di un asse tra Parigi e Londra, tra Parigi e Bonn, etc. Occorre capire che tutti questi tentativi hanno fallito per un motivo. Non serve duplicare la NATO, duplicare un'organizzazione in cui gli Stati Uniti e la voce degli americani siano determinanti. Bisogna creare qualcosa che non sia la NATO, che abbia un mandato e compiti diversi dalla NATO. Ma purtroppo tutti i tentativi in questa direzione sono falliti. Perché nella NATO c'è l'articolo №3 sulla sicurezza collettiva, che rende interessante la NATO a tutti gli alleati. In assenza di un accordo di sicurezza collettiva, l'intesa resta piuttosto debole. Può entrare in vigore in caso di crisi o non può iniziare. Il vantaggio della NATO è l'articolo №3, il principio della sicurezza collettiva: se uno Stato membro della NATO viene attaccato, viene considerato un attacco contro tutti gli altri, che hanno l'obbligo di difendere il Paese che è stato attaccato. Credo che nessun accordo tra Francia e Germania possa spingersi oltre".

Christophe Reveillard, ricercatore senior presso l'Università di Parigi ed esperto di storia moderna.

Al progetto manca ancora la chiarezza per quanto riguarda il ruolo della NATO:

"Proprio questo resta da conoscere. E' abbastanza vago, ma indica ancora come sia poco mirato sulla NATO, quanto male sia gestito e come sia inefficace. Si prende in prestito da Trump, ma senza menzionare il nome di quest'ultimo, il termine "obsoleto", ma non dice che la NATO deve essere sostituita. Pare che voglia in qualche modo creare un cluster europeo di difesa, che prendere in prestito la struttura della NATO, ma ad usarla saranno gli europei. Se così fosse, sarebbe un errore. Se al contrario mostra prudenza e dice che la NATO non è ben organizzata e non soddisfa gli obiettivi prefissati ed è inefficace nei teatri di conflitto in Europa, senza dire che serva abolirla o sostituirla, allora può essere una manifestazione di abilità politica per non provocare coloro che potrebbero essere spaventati dalla scomparsa della NATO."

Tuttavia la riconciliazione con la Russia nel campo della difesa europea viene così chiaramente affermata:

"Negli ultimi trent'anni la Russia ha chiesto solo questo. La Russia ha sempre chiesto a tutte le parti di sedersi al tavolo delle trattative e discutere la sicurezza in Europa. Per parlare, non per cospirare contro di essa. Per la prima volta un probabile leader occidentale ha preso in prestito questa idea e molto chiaramente l'ha espressa. Allo stesso tempo, sostenendo, questo è normale: che lo richiedono la diplomazia e gli stretti rapporti con la Germania. Sperando da parte sua, che non sia con Angela Merkel."

Correlati:

Francia, candidato alle primarie dei socialisti propone alternativa alla NATO in Europa
La NATO qui non è benvenuta: Russia e Cina garantiranno neutralità militare alla Serbia?
Politico francese commenta politica Trump nei confronti della NATO
Germania, la Sinistra appoggia le dichiarazioni di Donald Trump sulla NATO
Triangolo Russia-USA-NATO: la Polonia diventerà merce di scambio?
Trump: NATO è organizzazione obsoleta
Tags:
Geopolitica, Politica Internazionale, Difesa, Sicurezza, Presidenziali Francia, NATO, Francois Fillon, Donald Trump, Europa, Francia, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik