18:57 15 Dicembre 2017
Roma+ 15°C
Mosca+ 2°C
    La sede del parlamento europeo a Bruxelles

    Parlamento europeo, ecco i sette candidati in corsa per la presidenza

    © Sputnik. Irina Kalashnikova
    Politica
    URL abbreviato
    111

    Per la successione a Martin Schulz servono almeno 376 voti (nei primi tre scrutini).

    Il Parlamento europeo sceglierà oggi il successore di Martin Schulz. Per aggiudicarsi la presidenza i sette candidati devono ottenere la maggioranza assoluta dei voti. Quorum che scenderà a partire dal quarto scrutinio quando per la nomina basterà prevalere anche di un solo consenso.

    Il candidato del Ppe, il maggiore gruppo parlamentare al Parlamento europeo è Antonio Tajani, ex giornalista e già portavoce del leader del centrodestra Silvio Berlusconi. Può vantare su una lunga esperienza a Bruxelles dove è stato per 14 anni europarlamentare e per sei anni vicepresidente della Commissione europea. E' stato indicato all'unanimità dal gruppo dei Popolari europei che contano su un pacchetto di 214 voti.

    Per vincere i candidati avranno però bisogno di almeno 376 consensi su 751.

    Il rivale principale di Tajani è un altro italiano, Gianni Pittella del gruppo di S&D che ha 189 eletti. La sua nomina impedirebbe al Ppe che ha già indicato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e il capo del Consiglio europeo Donald Tusk di conquistare anche questo incarico chiave.

    In corsa anche la belga Helga Stevens del terzo gruppo europeo per grandezza (70 seggi) e cioè quello dei conservatori e riformisti (ECR) e l'ex primo ministro belga Guy Verhofstadt dell'Alde (68 seggi). Eleonora Forenza dal gruppo confederale della sinistra unitaria europea (GUE) che conta su 52 deputati. Candidato anche Jean Lambert per il gruppo dei Verdi (51 deputati) e il rumeno Laurentiu Rebega, che originariamente apparteneva al gruppo di S&D, nel 2015 è passato nelle fila del gruppo da 40 eletti di Europa delle Nazioni e della Libertà (ENF) di Marine Le Pen.    

    Correlati:

    L'amico di Silvio Berlusconi può guidare il Parlamento europeo
    Per il Parlamento europeo l’Ucraina non farà parte dell’UE
    Tags:
    Elezioni, Parlamento Europeo, Laurentiu Rebega, Jean Lambert, Eleonora Forenza, Guy Verhofstadt dell'Alde, Helga Stevens, Gianni Pittella, Antonio Tajani, Martin Schulz, Marine Le Pen, Jean-Claude Juncker, Donald Tusk, UE
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik