12:06 20 Maggio 2018
Roma+ 24°C
Mosca+ 10°C
    Brexit

    Theresa May pronta ad una Brexit “estrema”

    © Foto : Pixabay
    Politica
    URL abbreviato
    10232

    Il primo ministro britannico Theresa May annuncerà martedì che il governo è pronto a portare fuori il Regno Unito dal mercato unico europeo e dall'unione doganale, così come al di fuori della giurisdizione della Corte di giustizia europea, hanno segnalato i media britannici nel weekend.

    Martedì il premier May, come già confermato dal suo ufficio, farà un grande discorso incentrato sui prossimi negoziati con l'Unione Europea relativamente alla Brexit.

    Nel suo discorso, secondo il Sun, il primo ministro sottolineerà che la priorità di Londra nei negoziati con la UE è la sospensione della libera migrazione dall'Europa verso la Gran Bretagna e la possibilità di condurre negoziati bilaterali per accordi commerciali con gli altri Paesi, cosa impossibile con l'appartenenza al mercato unico.

    Se quello pubblicato dal Sun verrà confermato dai fatti, si concretizzeranno le paure di molti parlamentari, anche dei Tories, che da tempo sostengono che la May è fautrice di una "Brexit estrema", che in nome della difesa dei confini non prevede l'appartenenza al mercato unico. L'uscita del Regno Unito dalla legislazione della Corte di Giustizia europea è stata sin dall'inizio nei piani del governo britannico.

    I negoziati sulla Brexit con l'Unione Europea inizieranno non prima della fine di marzo e dovrebbero durare 2 anni e mezzo.

    Correlati:

    Theresa May può abolire la Camera dei Lords nel caso ostacoli la Brexit
    Sky News stima i costi della Brexit per il Regno Unito
    Parlamentare inglese accusa Russia di aver falsificato i risultati della Brexit
    La Scozia svelerà il piano per restare nella UE dopo la Brexit
    Tony Blair potrebbe tornare in politica sfruttando la Brexit: l'ipotesi del Sunday Times
    Tags:
    Politica Internazionale, Economia, Diplomazia Internazionale, Brexit, Unione Europea, Theresa May, Gran Bretagna, UE
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik