18:45 28 Luglio 2017
Roma+ 27°C
Mosca+ 26°C
    Cartellone con le foto di Putin e Trump in Montenegro

    CNN: Mosca preferisce non interferire nel caos politico alla Casa Bianca

    © REUTERS/ Stevo Vasiljevic
    Politica
    URL abbreviato
    146890

    La Russia ha deciso di tenersi fuori dalle turbolenze politiche negli Stati Uniti, nonostante le dichiarazioni preoccupanti per Mosca dei candidati alla squadra di Trump a Washington, afferma la corrispondente della CNN a Mosca Jill Dougherty.

    Secondo la giornalista, al Cremlino non perdono la speranza per la cooperazione tra Trump e Putin e aspettano il completamento del passaggio di potere negli Stati Uniti per non complicare la situazione già tesa a seguito dei cyber attacchi durante la campagna elettorale, per cui sono sospettati gli hacker russi secondo l'intelligence americana.

    Il filo conduttore attraverso tutti questi eventi è la Russia e il suo ruolo che avrebbe ricoperto nella politica americana: dalle illazioni secondo cui Mosca potrebbe ricattare il nuovo presidente agli attacchi hacker contro il processo elettorale statunitense che, come di recente riconosciuto dallo stesso Donald Trump, potrebbero essere frutto delle azioni dei russi.

    Parliamo con la corrispondente della CNN Jill Dougherty. Ora è in collegamento diretto da Mosca. Jill, in Russia come hanno reagito a quello che sta accadendo negli Stati Uniti?

    "Non c'è nulla di nuovo. In Russia come prima continuano a smentire (il coinvolgimento di Mosca negli attacchi informatici, ndr). A Mosca affermano: in primo luogo gli Stati Uniti non hanno le prove, e in secondo luogo, si potrebbe trattare di un tentativo dell'establishment americana di mettere sotto pressione Donald Trump che, come si dice a Mosca, mira a migliorare le relazioni con la Russia.

    Questo tipo di dichiarazioni da parte della Russia si sentono costantemente. Allo stesso tempo ha commentato la situazione anche Dmitry Peskov, il portavoce di Putin. Peskov ha detto: Trump ha dichiarato di volersi impegnare nel dialogo, anche la Russia è disposta. Dobbiamo rispettarci a vicenda.

    Pertanto ha quasi ripetuto alla lettera le parole di Trump: non ci aspettiamo di avere un'opinione comune su tutto. Ma, almeno, ci rispettiamo e cerchiamo di cooperare per migliorare la situazione.

    A mio parere ora il Cremlino cerca di non interferire dal momento che a Washington ha provocato troppo caos. Dunque se Mosca si spingerà troppo oltre, la situazione diventerebbe troppo complicata e le cose si evolverebbero troppo repentinamente. Pertanto la Russia ha deciso di fare un passo indietro e dare agli americani la possibilità di uscire fuori da tutto questo pasticcio. Ma in realtà a Mosca non si perde la speranza per la cooperazione tra Trump e Putin.

    Volevo solo sottolineare che al Cremlino sono prudenti, non voglio troppo farsi coinvolgere a lungo su quello che sta succedendo a Washington, almeno fino a quando non sentiranno il discorso di inizio mandato di Trump, in cui probabilmente farà luce su alcuni di questi problemi, e non vedranno ciò che la nuova amministrazione farà nei suoi primi 100 giorni di governo."

    Correlati:

    Segretario di Stato sponsorizzato da Trump detta condizioni per riconoscere Crimea russa
    Politici Europa orientale chiedono a Trump di rinunciare a “negoziazioni” con Russia
    Trump: Russia può aiutare a combattere nemico numero uno degli Usa
    Trump insiste, solo gli sciocchi non vogliono buoni rapporti con la Russia
    Tags:
    Casa Bianca, Cooperazione, Geopolitica, Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, Cremlino, Donald Trump, Vladimir Putin, Russia, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik