19:07 27 Febbraio 2017
    Ministro degli Esteri dell'Austria Sebastian Kurz

    Austria chiede di alleggerire le sanzioni contro la Russia

    © REUTERS/ Leonhard Foeger
    Politica
    URL abbreviato
    2435151

    Se nella parte orientale dell'Ucraina il cessate il fuoco sarà osservato, le sanzioni contro la Russia dovrebbero essere alleggerite, ha dichiarato in un'intervista con Kurier il ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz.

    Occorre rinunciare all'attuale "sistema punitivo", che contempla l'allentamento delle sanzioni solo dopo la piena attuazione degli accordi di Minsk, dal momento che "non dà stimoli" e non contribuisce al rafforzamento della fiducia tra l'Occidente e Mosca, ha osservato il capo della diplomazia austriaca.

    Subito dopo l'inizio della presidenza austriaca all'OSCE, il ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz si è recato in Ucraina orientale. Vienna ha designato tre priorità: "lotta contro la radicalizzazione, la fiducia nell'OSCE e sforzi per disinnescare il conflitto."

    Kurz intende inoltre presentare il suo programma per l'OSCE nel 2017 e per la prossima settimana volerà a Kiev e Mosca, scrive Kurier.

    Attualmente nella parte orientale dell'Ucraina la situazione è difficile, tutte le parti in conflitto sono scontente dallo status quo, cosa che può essere considerata come una "buona situazione di partenza", ha dichiarato Kurz nell'intervista con Kurier.

    Tuttavia sperare in una "soluzione rapida e grandi progressi" sarebbe un errore, ritiene il ministro austriaco.

    La missione di osservazione dell'OSCE è riuscita ad apportare alcuni miglioramenti. Se si otterrà un accesso maggiore alla zona di conflitto e sarà dotata di attrezzature tecniche più avanzate una "vera tregua sarà più vicina", ha osservato Kurz. Relativamente alla situazione nel Donbass vanno avanti i negoziati sulla base degli accordi di Minsk. Prima di tutto occorre un solido cessate il fuoco come base per lo svolgimento di elezioni libere. Tuttavia non meno importante è "frapporre misure di fiducia tra Oriente e Occidente".

    Secondo Kurz, l'Occidente dovrebbe "abbandonare il sistema punitivo e passare ad un sistema di incentivi." L'Europa dovrebbe essere seriamente interessata alla "cooperazione positiva con la Russia." Solo allora si potrà creare "maggiore fiducia", determinante per la normalizzazione del conflitto in Ucraina orientale.

    "Se nella zona del conflitto ci saranno progressi, le sanzioni contro la Russia dovrebbero essere gradualmente attenuate. Il sistema attuale, che prevede solo la riduzione delle sanzioni dopo la piena attuazione degli accordi di Minsk, non dà incentivi", — ha concluso il politico austriaco.

    Correlati:

    Alfano non esclude il ritorno della Russia nel formato del G8
    Mosca: si lavora ad una road map sulla realizzazione degli accordi di Minsk
    Ucraina, Casa Bianca: sì a sanzioni contro la Russia fino a piena attuazione accordo Minsk
    In Ucraina prevedono la fine degli accordi di Minsk sul Donbass
    Standard: 400 mila europei hanno perso il lavoro a causa delle sanzioni anti russe
    Tags:
    Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, sanzioni antirusse, accordi di Minsk, Unione Europea, Sebastian Kurz, Austria, UE, Donbass, Ucraina, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    Mostra nuovi commenti (0)