18:49 19 Novembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca+ 1°C
    Ukrainian flagPetr Poroshenko

    Raiffeisen Research: cambio dei rapporti tra USA e Russia ha un impatto forte su Kiev

    © flickr.com/ SerenityRose © Sputnik. Mikhail Markiv
    1 / 2
    Politica
    URL abbreviato
    51253181

    Se le relazioni tra la Russia e gli Stati Uniti andranno incontro ad un cambiamento radicale, ci saranno pesanti conseguenze per la politica estera e l'economia dell'Ucraina, si afferma nel rapporto di Raiffeisen Research.

    "Qualsiasi cambiamento sostanziale nelle relazioni tra la Russia e gli Stati Uniti avrà forti e complesse conseguenze nella politica interna ed estera dell'Ucraina, così come per l'economia del Paese a seguito della sua dipendenza dall'assistenza finanziaria occidentale internazionale e bilaterale e dal ruolo chiave delle istituzioni occidentali nella riforma delle strutture governative del Paese", — si afferma nel documento.

    Allo stesso tempo gli analisti fanno notare che, dal momento che la nuova amministrazione americana non assumerà l'incarico fino al 20 gennaio, ora si possono solo fare ipotesi sulle sue azioni politiche future.

    I risultati delle elezioni presidenziali americane hanno fatto nascere il timore che "l'accordo" potenziale tra Washington e Mosca potrebbe portare incertezza e ridurre il sostegno degli Stati Uniti in Europa orientale.

    Inoltre le dichiarazioni del futuro presidente Donald Trump durante la campagna presidenziale e dopo le elezioni e allo stesso modo alcune delle sue nomine, sono state accolte con preoccupazione in Ucraina, si afferma nel rapporto.

    Da un punto di vista economico, uno sviluppo molto negativo degli eventi sarebbe l'interruzione del programma di prestiti del FMI in cambio delle riforme, che dovrebbe durare fino al 2018.

    "In alcuni punti le autorità ucraine a malapena sono riuscite a mantenere a galla il programma per il fatto che gli interessi economici ostacolano l'Ucraina ad attuare pienamente i termini del programma. Alla luce di questo, riteniamo l'attuale componente geopolitica determinante nelle decisioni del consiglio di amministrazione del FMI per l'assistenza all'Ucraina", — si legge nel rapporto.

    Secondo gli analisti di Raiffeisen Research, dopo l'arrivo di Trump e tenendo conto del ruolo importante degli Stati Uniti in seno al FMI,

    "per le autorità ucraine potrebbe essere difficile assicurarsi la prosecuzione del programma del FMI, se non verranno soddisfatte le condizioni principali come la lotta alla corruzione e la promozione delle riforme strutturali."

    Le autorità ucraine potrebbero naturalmente "intensificare i loro sforzi per l'efficace attuazione delle condizioni minime per il mantenimento del programma", osservano gli analisti.

    Per quanto riguarda le riforme in Ucraina, se l'interesse degli Stati Uniti per il loro successo si attenuerà, si ridurranno le possibilità della loro realizzazione pratica.

    Dal contenuto del rapporto emerge una certa "stanchezza ucraina" nelle capitali europee. Nella relazione c'è un riferimento all'assistenza finanziaria degli Stati Uniti in Ucraina nella forma di garanzia per la collocazione dei titoli di stato ucraini. Nonostante questa forma di assistenza non sia prevista, l'amministrazione Trump potrebbe essere meno propensa di quella precedente nel fornire aiuti finanziari a Kiev.

    Questo non provoca preoccupazione immediata per la stabilità finanziaria dell'Ucraina, ma non si può sottovalutare l'impatto psicologico della riduzione degli aiuti diretti negli Stati Uniti.

    Se il sostegno degli Stati Uniti per l'Ucraina sarà minore, il Paese potrebbe essere "lasciato all'Unione Europea." Tuttavia gli autori del rapporto "non vedono a livello dell'Unione Europea la convinzione di fornire un sostegno supplementare all'Ucraina".

    E 'importante notare che nello scenario principale degli eventi in Ucraina gli esperti credono ancora nel proseguimento dei prestiti del FMI, inoltre scrivono che per Kiev sono aumentate le probabilità di ottenere la nuova tranche alla fine di gennaio o all'inizio di febbraio.

    "Tuttavia in Ucraina sono già iniziate accese discussioni sulla politica estera a seguito dell'elezione di Trump e potrebbero portare ad una correzione delle posizioni politiche di Kiev nel 2017", — si legge nel documento.

    Correlati:

    Ucraina, FMI: continueremo a sostenere sforzi riforma economia
    Ucraina, ex parlamentare racconta che fine ha fatto fare Poroshenko ai soldi del FMI
    Il Washington Post parla delle paure dell'Ucraina dopo la vittoria di Trump
    Rivista americana “neocon” suggerisce a Trump un piano per l'Ucraina
    La vittoria di Donald Trump spaventa l’Ucraina
    Ucraina ha paura di essere dimenticata dagli USA dopo la vittoria di Trump
    Tags:
    Geopolitica, Politica Internazionale, Economia, Occidente, Unione Europea, FMI, Donald Trump, UE, Ucraina, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik