14:57 28 Luglio 2017
Roma+ 27°C
Mosca+ 23°C
    Ex segretario di Stato USA James Baker

    USA, Baker: per evitare sopravvento Russia su di noi, servono il bastone e la carota

    © AFP 2017/ RONNY HARTMANN
    Politica
    URL abbreviato
    501404235

    L'ex segretario di Stato americano James Baker non esclude la possibilità di stabilire legami tra USA e Russia. "E' importante cercare di migliorarli. Si sono evoluti nella direzione sbagliata," - ha detto il politico americano in un'intervista alla CNN.

    Tuttavia la Russia deve anche capire che "non può avere l'iniziativa su di noi" e per questo occorre "utilizzare il bastone e la carota", ha aggiunto.

    Vorrei farle una domanda sulla Russia. Sembra che l'obiettivo della politica estera russa negli ultimi 5-6 anni sia stato in un modo o nell'altro esercitare pressione sull'ordine del mondo occidentale, dividere l'Unione Europea e la NATO. Non bisogna dimenticarsi dell'annessione della Crimea, degli eventi in Ucraina e Georgia. Come pensa dovrebbero essere la reazione dell'America e la strategia di risposta? Il fatto è che molti repubblicani credono che dobbiamo comportarci più duramente di Obama. Ma il nuovo presidente ha dimostrato di avere una visione completamente diversa sulle cose.

    "Non credo sia una questione di una guerra su vasta scala o di pace. Credo che i due Paesi possano lavorare insieme nel tentativo di superare le differenze che possono sorgere e lavorare insieme nei campi in cui hanno interessi comuni.

    Vi ricordo che per 15 anni dopo la caduta del comunismo e il crollo dell'Unione Sovietica, gli Stati Uniti e la Russia hanno lavorato a stretto contatto l'uno con l'altro, negli anni in cui Boris Eltsin era presidente, ma anche negli anni della presidenza di Vladimir Putin. Complessivamente anche la maggior parte dell'Occidente collaborava con la Russia.

    Pertanto è possibile possa tornare a quei tempi. C'è la necessità di provare a farli tornare, se possiamo.

    Ma questo non significa che dobbiamo permettere alla Russia di comportarsi come vuole, come ha ricordato. Molto di quello che la Russia sta facendo è inaccettabile. Se non piace quello che sta accadendo nel Paese vicino, non si possono mandare i carri armati, come ha fatto la Russia in Crimea.

    Per questo motivo noi e i nostri alleati occidentali abbiamo imposto le sanzioni contro la Russia. Crediamo che si tratti di una risposta corretta e adeguata. Forse con la nuova amministrazione americana dovremo utilizzare il bastone e la carota nelle relazioni con la Russia. Ma è importante cercare di migliorare i rapporti. Si sono evoluti nella direzione sbagliata. Tuttavia la Russia deve capire che non può prendere il sopravvento su di noi."

    Correlati:

    Obama preoccupato, “i repubblicani credono più a Putin che ai democratici”
    Trump insiste, solo gli sciocchi non vogliono buoni rapporti con la Russia
    Trump ai suoi consiglieri: "insensato un confronto con la Russia"
    Trump dubita che la Russia sia responsabile dei cyber attacchi in USA
    Vivere le proprie vite: Trump commenta le nuove sanzioni di Obama promesse alla Russia
    Tags:
    Casa Bianca, Dialogo, Geopolitica, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, Occidente, Repubblicani (partito USA), Donald Trump, James Baker, Vladimir Putin, Barack Obama, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik