07:59 09 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
5110
Seguici su

Le autorità ucraine hanno ingaggiato la società BGR Group per promuovere i propri interessi con l'obiettivo di rafforzare le relazioni con gli Stati Uniti dopo l'inizio del mandato di Donald Trump, scrive The Hill.

Secondo il Dipartimento di Giustizia americano, la BGR Group ha firmato un accordo con Kiev il 23 dicembre scorso. Questa società è specializzata in attività di lobbying per lo più tra i repubblicani. Il valore dell'accorso è stimato in 600mila dollari l'anno (50mila dollari al mese).

Si prevede che i lobbisti faciliteranno l'instaurazione di legami tra i politici ucraini e americani, giornalisti e organizzazioni non governative, si afferma nell'articolo.

Inoltre, la BGR Group "determinerà e attuerà una strategia globale per lo sviluppo di contatti commerciali e governativi, nonché il rafforzamento delle relazioni tra gli Stati Uniti e Ucraina e cercherà di attrarre investimenti americani nell'economia ucraina".

Come sottolineato nell'articolo, questo passo è stato intrapreso da Kiev sullo sfondo di rapporti tesi con Mosca.

The Hill osserva che l'Ambasciata ucraina negli Stati Uniti non ha risposto alla richiesta di commentare il contratto con la BGR Group.

In precedenza basandosi sulle proprie fonti i media ucraini avevano riferito che il presidente Petr Poroshenko era sul punto di firmare un accordo con la BGR Group per instaurare contatti con l'amministrazione di Trump.

Allo stesso tempo una delle fonti aveva detto che l'ingaggio di questa società è come "buttare soldi al vento".

Correlati:

A Kiev si lamentano dei droni ricevuti dagli USA: “inutili, sarebbero da restituire”
Usa 2016, Kiev pronta a lavorare con la nuova amministrazione
Poroshenko reagisce timidamente alle parole di Trump sulla Crimea russa
Trump snobba Poroshenko: nessuna risposta a richiesta di incontro
Tags:
lobbying, Cooperazione, Politica Internazionale, BGR Group, Repubblicani (partito USA), Donald Trump, Ucraina, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook