Widgets Magazine
19:51 23 Ottobre 2019
Aleppo, Siria

Più facile che con gli USA: Russia cerca accordo con Turchia e Iran sulla Siria

© Sputnik . Michael Alaeddin
Politica
URL abbreviato
2151
Seguici su

La situazione in Siria, compresa Aleppo, secondo le attese verrà discussa a Mosca tra i ministri degli Esteri di Russia, Iran e Turchia, rispettivamente Sergey Lavrov, Mohammad Javad Zarif e Mevlut Cavusoglu.

Dato il coinvolgimento militare diretto di tutti e tre i Paesi negli eventi nel territorio siriano, ai colloqui si aggiungeranno i capi dei dicasteri militari di Mosca, Teheran e Ankara: i ministri della Difesa Sergey Shoigu, Hossein Dehghan e Fikri Işık.

"Il 20 dicembre a Mosca si terrà un incontro tra i ministri degli Esteri ed i ministri della Difesa di Federazione Russa, Repubblica Islamica dell'Iran e Turchia dedicato ai problemi della normalizzazione della crisi siriana. L'evento è finalizzato a promuovere l'attuazione delle corrispondenti risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite", — ha fatto sapere oggi il dicastero della diplomazia di Mosca.

In precedenza il dialogo su Aleppo ed altri aspetti della crisi in Siria veniva principalmente condotta sull'asse Mosca-Washington. Tuttavia decine di incontri e telefonate non hanno portato nessuna svolta. La parte russa ha cominciato a ricorrere attivamente ad altri formati. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, per esempio, nelle ultime settimane ha sempre più spesso affermato che Mosca sostiene il dialogo con i Paesi della regione, compresa la Turchia.

"Credo che questo canale possa rivelarsi più efficiente rispetto ai nostri numerosi colloqui infruttuosi con i partner americani," — ha detto il ministro russo.

Lo stesso parere è stato espresso dal direttore del dipartimento di Cooperazione Europea del ministero degli Esteri russo Andrey Kelin.

"Per quanto ho capito con la parte turca è molto più facile negoziare che con gli stessi americani," — ha dichiarato in un'intervista con Sputnik.

Gli esperti ritengono che l'incontro dei ministri a Mosca abbia il potenziale per trovare nuovi accordi sulla Siria.

"La Russia è riuscita a fare cose incredibili: a promuovere un dialogo attivo tra l'Iran e la Turchia sulla Siria. Gli accordi su Aleppo sono solo il primo elemento scaturito da questa interazione con la mediazione della Russia", — ha rilevato il consigliere del direttore dell'Istituto russo per gli studi strategici Elena Suponina.

Secondo lei, "se questa collaborazione continuerà, possiamo aspettarci nuovi accordi per una tregua in Siria."

Correlati:

Francia: la nuova risoluzione ONU su Aleppo eviterà nuova tragedia come Srebrenica
Russia propone al Consiglio di Sicurezza ONU nuova soluzione per situazione ad Aleppo
Rappresentante Siria presso ONU attacca l’Occidente: difensore del terrorismo
Russia definisce pericoloso progetto di Francia su collocamento osservatori ONU ad Aleppo
Tags:
Geopolitica, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, crisi in Siria, Il Ministero degli Esteri della Russia, Fikri Işık, Sergej Shoigu, Mevlüt Çavuşoğlu, Mohammad Zarif, Hossein Dehghan, Sergej Lavrov, Iran, Siria, Turchia, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik