07:52 06 Luglio 2020
Politica
URL abbreviato
2016
Seguici su

Il deterioramento delle relazioni tra Russia e i membri della NATO potrebbe essere la minaccia maggiore del prossimo anno. Se ne parla nel rapporto del Consiglio americano per le relazioni internazionali dal nome “Le minacce principali da affrontare nel 2017”.

Il possibile conflitto tra Mosca e l'Alleanza Atlantica è stata messo al primo posto tra le minacce, ad alto impatto e a "moderata" probabilità. Nel rapporto si parla di un possibile "confronto militare intenzionale o non intenzionale", che potrebbe essere causato da un "comportamento aggressivo" della Russia in Europa Orientale.

Al secondo posto della categoria è indicata la "seria crisi con la Corea del Nord, legata ai test e allo sviluppo di armi nucleari, "provocazioni militari e instabilità politica interna".

Chiude con il terzo posto delle minacce "principali", un possibile attacco hacker "alle infrastrutture più importanti americane". Secondo l'autore, c'è un'altra seria minaccia la quale può realizzarsi negli USA nel 2017, un attacco terroristico in USA o sul territorio dei suoi alleati.

Per quanto riguarda le minacce, a impatto moderato e ad alta probabilità, vengono messe al primo posto nel documento le violenze in Afghanistan. Nella stessa categoria gli autori del rapporto parlano anche dell'aggravamento del conflitto tra la Turchia e i curdi, ma anche all'escalation della guerra civile in Siria. In questo caso, come evidenziato, si può parlare di un "intervento militare di altre potenze".

Il rapporto viene pubblicato dal 2008. Gli autori includono in esso una lista di possibili conflitti che potrebbero peggiorare nel corso del prossimo anno.

Correlati:

Siria, Lavrov: Mosca spera di accordarsi con Usa su lotta a terrorismo
Ex militare USA commenta consegna di armamenti in Siria
Siria, Lavrov: “Grave errore Usa nel rifiutare collaborazione con Mosca”
Tags:
conflitto, Relazioni Internazionali, Minacce, Guerra, Terrorismo, minaccia, Governo USA, Mondo, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook