23:10 18 Giugno 2018
Sede del ministero degli Esteri della Russia

Diplomazia russa reagisce agli appelli occidentali per fermare operazione ad Aleppo

© Sputnik . Ramil Sitdikov
Politica
URL abbreviato
6360

Gli appelli dell'Occidente per fermare l'operazione per la liberazione di Aleppo sembrano un tentativo di favorire i terroristi, si legge in un comunicato pubblicato sul sito del ministero degli Esteri.

Si sottolinea che i ribelli di Aleppo non esitano a raggiungere i loro obiettivi, persino tramite "l'uso dei civili come scudi umani" per bombardare le infrastrutture ed i corridoi umanitari".

Il ministero russo ha espresso sorpresa e profonda indignazione "per la campagna propagandistica promossa da Parigi e Londra" sui timori per i combattimenti ad Aleppo est, sulla sicurezza dei civili e la consegna degli aiuti umanitari.

"I nostri "preoccupati" partner francesi e britannici non possono non sapere che oggi l'assistenza ai residenti di Aleppo viene offerta realmente, non avviene solo a parole, ma concretamente dalla parte russa, in particolare attraverso il ministero della Difesa e il Centro per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria e la Protezione Civile", — hanno aggiunto dal dicastero della diplomazia russa.

Il ministero degli Esteri ha ricordato che oggi per il bombardamento di un ospedale militare ad Aleppo hanno perso la vita 2 medici russi. Inoltre un altro dottore sta lottando tra la vita e la morte. In aggiunta anche alcuni civili che avevano bisogno di cure mediche sono rimasti vittime dell'attacco.

"Tuttavia dalle capitali occidentali non si sono sentite parole di condanna", — hanno dichiarato i diplomatici russi.

Il ministero degli Esteri ha esortato i partner occidentali "al posto di diffondere tramite i media sentimenti distruttivi" di concentrare gli sforzi nella lotta contro il terrorismo e nella ricerca di una soluzione politica alla crisi.

In precedenza il dicastero della diplomazia russa aveva definito la bozza di risoluzione al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sulla Siria controproducente, aggiungendo che mina gli sforzi della Russia e degli Stati Uniti.

Il ministro degli Esteri Sergei Lavrov ha dichiarato che il cessate il fuoco di 10 giorni dà benefici solo ai terroristi che potrebbero riorganizzarsi e rinforzarsi.

Correlati:

Siria, Mosca avverte: guerriglieri che restano ad Aleppo saranno considerati terroristi
Bombardato l'ospedale di Aleppo, ferito un giornalista di RT
Un medico russo morto e due feriti nei bombardamenti di Aleppo
Deceduta l'infermiera russa rimasta ferita in bombardamento dei ribelli ad Aleppo
The Independent: l’Occidente ha abbandonato Aleppo al suo destino ma non vuole ammetterlo
Mogherini sicura, la guerra in Siria non finirà con la presa di Aleppo
Inviato speciale ONU per la Siria chiede ai ribelli di lasciare Aleppo est
Tags:
Politica Internazionale, Terrorismo, Occidente, crisi in Siria, Il Ministero degli Esteri della Russia, Esercito della Siria, Gran Bretagna, Francia, Aleppo, Siria, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik