09:33 05 Dicembre 2016
    Il presidente francese Francois Hollande

    Hollande non si ricandida “per il bene della Francia”

    © REUTERS/ Philippe Wojazer
    Politica
    URL abbreviato
    7388150

    Il capo di Stato francese Francois Hollande ha dichiarato di non presentarsi alle presidenziali della prossima primavera.

    "Sono consapevole del fatto che il movimento nella direzione che può essere percepita impopolare porta un rischio, pertanto rinuncio a ricandidarmi alla presidenza e a chiedere il rinnovo del mandato", — ha detto Hollande in una nota dell'Eliseo.

    Hollande ha più volte segnato "record negativi di popolarità" tra i cittadini francesi. Lo scorso febbraio aveva una popolarità del 20%, a giugno era sceso al record negativo del 12%.

    Le primarie del Partito Socialista sono previste in Francia il 22 e 29 gennaio. In precedenza alle primarie del centrodestra ha vinto l'ex primo ministro Francois Fillon, che ha esortato a farla finita con la presidenza di Hollande. Per Filllon la presidenza di Hollande è stata "un periodo di cinque anni miserabili". Le elezioni presidenziali si svolgeranno la prossima primavera.

    Correlati:

    Francia, Fillon: Russia nemico virtuale frutto della fantasia dell’Occidente
    Francia, Fillon vince le primarie del centrodestra con il 66,5%
    Francia, ex premier Fillon esorta Hollande a togliere le sanzioni contro la Russia
    Tags:
    politica interna, Presidenziali Francia, François Hollande, Francia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • franco296
      Deve aver capito che di lui non ne possono più!! Finalmente ce be libereremo!!!!
    • giovanni
      Il pinguino servo del regime anglosionista internazionale ha capito di non avere piu· speranze !Il `popolo francese non ha l· anello al naso come si pensa.....
    • maurizio.innocenti8
      Non aveva alcuna chance di essere rieletto e,probabilmente,
      neppure di essere il candidato dei socialisti.
      Comunque Valls non è meglio di lui.
      Confido che i francesi lo eliminino al primo turno.
    • nessuno
      Bene sapeva che non l'avrebbe votato nessuno. Ha fatto del male all'Europa, allaFrancia e in particolare all'Italia e alla Russia. Un nano della politica
    Mostra nuovi commenti (0)

    Top stories

    • Matteo Renzi

      Il Referendum Costituzionale in Italia ha visto la vittoria del NO, con il 60% dei voti. Il primo ministro Matteo Renzi si è dimesso.

      15684
    • Il teatro Bolshoi

      Mosca splenderà con le luci italiane, che abbelliranno diverse piazze e vie della capitale russa. È tempo di allegria e serenità, di sogni e speranze per il futuro. Per un vero Capodanno a Mosca non poteva mancare il talento italiano. Italia e Russia, è ora di fare festa insieme!

      4959
    • Petro Poroshenko

      L’avvocato veronese Guariente Guarienti ha depositato una denuncia alla Procura di Verona nei confronti del presidente della Repubblica Ucraina Petr Poroshenko per il mancato ritorno in Italia dei 17 quadri tra cui le opere di Tintoretto, Mantegna e Rubens.

      61280
    • Ministro degli Esteri della Russia Sergey Lavrov

      Dal 1 al 3 dicembre sta svolgendo a Roma il Forum MED "Beyond turmoil, a positive agenda". Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è stato uno dei principali protagonisti del forum. Ha parlato della sicurezza comune, lotta al terrorismo e del futuro del Medio Oriente. Ecco il riassunto del suo intervento.

      131797
    • Visitatori alla più grande mostra al mondo della collezione dei Musei Vaticani Roma Aeterna.

      “Roma Aeterna”, una mostra eccezionale che ha portato a Mosca i tesori della Pinacoteca Vaticana. Un evento senza precedenti: il pubblico russo potrà ammirare alla Galleria Tretyakov 42 capolavori di Caravaggio, Raffaello, Bellini, Guercino, solo per citare alcuni nomi. Viva l’arte, ponte imbattibile fra Russia e Italia.

      3767
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      222540