09:33 05 Dicembre 2016
    Il presidente del Kirghizistan Atambayev con Vladimir Putin (foto d'archivio)

    Il Kirghizistan si appresta a chiudere la base militare russa

    © Sputnik. Michael Klimentyev
    Politica
    URL abbreviato
    112942214

    Il presidente kirgyzo Almazbek Atambayev ha detto che la base militare russa in Kirghizstan verrà smantellata dopo la scadenza dell'accordo. Lo ha dichiarato in una conferenza stampa riassuntiva.

    Atambayev ha ricordato la decisione di chiudere la base aerea americana Ganci, presa dalle autorità del Kirghizistan nel 2009.

    "Abbiamo fatto la cosa giusta chiudendo la base di Ganci, piaccia o no. Devo dire che dopo 5 anni in futuro dobbiamo contare sulle proprie forze e fare la stessa cosa con la base russa," — l'edizione kirghiza di Sputnik riporta le parole di Atambayev.

    Atambayev ha ricordato che l'accordo sulla base era stato firmato in precedenza dall'ex presidente Kurmanbek Bakiyev. "Nel 2016, l'attuale accordo scade, dopo di che la base doveva restare aperta per altri 49 anni, ma ne abbiamo lasciati solo 15," — ha affermato il presidente del Kirghizistan, sottolineando che la Russia rimane un partner strategico di Bishkek.

    "Sono riuscito a comunicare questa idea al presidente russo Vladimir Putin, che l'ha capita".

    Nel territorio del Kirghizistan si trova una base militare russa congiunta, composta da 4 blocchi: un campo d'aviazione delle forze CSTO di risposta rapida a Kant, una base navale sul Lago Ysykköl, un centro di comunicazione nel villaggio di Chaldovar e la stazione sismica di Mailu-Suu.

    La Duma di Stato non ha visto nelle affermazioni di Atambayev "connotazioni ostili."

    Per il presidente della commissione per gli affari della CSI Leonid Kalashnikov, Atambayev ha dimostrato la sua predisposizione all'amicizia con la Russia, non solo a parole, ma con azioni concrete.

    Secondo il deputato, le attuali autorità del Kirghizistan sono interessate alla cooperazione politico-militare e all'interazione nel quadro dell'Unione Eurasiatica.

    Correlati:

    “USA non hanno mantenuto le promesse su base militare”: parla ex presidente Kirghizistan
    Economia, il Kirghizistan da oggi è “full member” dell’Unione economica euroasiatica
    Economia, il Kirghizistan entra ufficialmente nell’Unione economica euroasiatica
    Tags:
    Geopolitica, Difesa, Sicurezza, Aviazione, Almazbek Atambayev, Vladimir Putin, Kirghizistan, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    Mostra nuovi commenti (0)

    Top stories

    • Matteo Renzi

      Il Referendum Costituzionale in Italia ha visto la vittoria del NO, con il 60% dei voti. Il primo ministro Matteo Renzi si è dimesso.

      15686
    • Il teatro Bolshoi

      Mosca splenderà con le luci italiane, che abbelliranno diverse piazze e vie della capitale russa. È tempo di allegria e serenità, di sogni e speranze per il futuro. Per un vero Capodanno a Mosca non poteva mancare il talento italiano. Italia e Russia, è ora di fare festa insieme!

      4960
    • Petro Poroshenko

      L’avvocato veronese Guariente Guarienti ha depositato una denuncia alla Procura di Verona nei confronti del presidente della Repubblica Ucraina Petr Poroshenko per il mancato ritorno in Italia dei 17 quadri tra cui le opere di Tintoretto, Mantegna e Rubens.

      61280
    • Ministro degli Esteri della Russia Sergey Lavrov

      Dal 1 al 3 dicembre sta svolgendo a Roma il Forum MED "Beyond turmoil, a positive agenda". Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è stato uno dei principali protagonisti del forum. Ha parlato della sicurezza comune, lotta al terrorismo e del futuro del Medio Oriente. Ecco il riassunto del suo intervento.

      131797
    • Visitatori alla più grande mostra al mondo della collezione dei Musei Vaticani Roma Aeterna.

      “Roma Aeterna”, una mostra eccezionale che ha portato a Mosca i tesori della Pinacoteca Vaticana. Un evento senza precedenti: il pubblico russo potrà ammirare alla Galleria Tretyakov 42 capolavori di Caravaggio, Raffaello, Bellini, Guercino, solo per citare alcuni nomi. Viva l’arte, ponte imbattibile fra Russia e Italia.

      3767
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      222540