09:32 05 Dicembre 2016
    Soldati sauditi

    Arabia Saudita conta su mantenimento cooperazione USA contro terrorismo

    © AP Photo/ Hassan Ammar
    Politica
    URL abbreviato
    4217011

    L'Arabia Saudita spera di continuare a coordinarsi con gli Stati Uniti nella lotta contro il terrorismo, anche con l'amministrazione del presidente neoeletto Donald Trump, ha dichiarato l'ambasciatore di Riyadh nella Federazione Russa Abdurrahman Al-Rassi.

    "Tra noi c'è una cooperazione di successo. Auspichiamo che il nostro coordinamento continuerà con lo stesso spirito," — ha detto il diplomatico in una conferenza presso l'Università Statale di Mosca, rispondendo ad una domanda.

    In particolare gli Stati Uniti sostengono la coalizione saudita contro i ribelli Huthi in Yemen.

    La capitale dello Yemen è sotto il controllo dei ribelli sciiti, che dal 2015 vengono bombardati dalle forze aeree dell'Arabia Saudita e delle monarchie sunnite del Golfo. La coalizione di Ryadh sostiene le forze governative.

    Nello Yemen divampa dal 2014 un conflitto armato, in cui da una parte combattono gli Huthi del movimento sciita "Ansar Allah", fedeli all'ex presidente Ali Abdullah Saleh, e parte dell'esercito, dall'altra le forze governative e le milizie fedeli al presidente Abd Rabbo Mansour Hadi.

    Correlati:

    Wikileaks: Usa armava esercito Yemen già prima della guerra con gli Huthi
    Iran intensifica le forniture di armi ai ribelli Huthi in Yemen, USA preoccupati
    Nuovo attacco missilistico contro nave militare USA dal territorio dello Yemen
    USA, Obama rassicura il Congresso: in Yemen continueremo azioni militari
    USA possono essere riconosciuti complici dei crimini di guerra sauditi in Yemen
    Tags:
    Geopolitica, Terrorismo, Politica Internazionale, Cooperazione, Cooperazione militare, Donald Trump, USA, Arabia Saudita
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    Mostra nuovi commenti (0)

    Top stories

    • Matteo Renzi

      Il Referendum Costituzionale in Italia ha visto la vittoria del NO, con il 60% dei voti. Il primo ministro Matteo Renzi si è dimesso.

      15679
    • Il teatro Bolshoi

      Mosca splenderà con le luci italiane, che abbelliranno diverse piazze e vie della capitale russa. È tempo di allegria e serenità, di sogni e speranze per il futuro. Per un vero Capodanno a Mosca non poteva mancare il talento italiano. Italia e Russia, è ora di fare festa insieme!

      4959
    • Petro Poroshenko

      L’avvocato veronese Guariente Guarienti ha depositato una denuncia alla Procura di Verona nei confronti del presidente della Repubblica Ucraina Petr Poroshenko per il mancato ritorno in Italia dei 17 quadri tra cui le opere di Tintoretto, Mantegna e Rubens.

      61277
    • Ministro degli Esteri della Russia Sergey Lavrov

      Dal 1 al 3 dicembre sta svolgendo a Roma il Forum MED "Beyond turmoil, a positive agenda". Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è stato uno dei principali protagonisti del forum. Ha parlato della sicurezza comune, lotta al terrorismo e del futuro del Medio Oriente. Ecco il riassunto del suo intervento.

      131796
    • Visitatori alla più grande mostra al mondo della collezione dei Musei Vaticani Roma Aeterna.

      “Roma Aeterna”, una mostra eccezionale che ha portato a Mosca i tesori della Pinacoteca Vaticana. Un evento senza precedenti: il pubblico russo potrà ammirare alla Galleria Tretyakov 42 capolavori di Caravaggio, Raffaello, Bellini, Guercino, solo per citare alcuni nomi. Viva l’arte, ponte imbattibile fra Russia e Italia.

      3767
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      222539