09:32 05 Dicembre 2016
    Bandiere degli USA e della Russia

    Per la Russia è importante l'uguaglianza nei rapporti con gli USA

    © Fotolia/ KLimAx Foto
    Politica
    URL abbreviato
    0 221100

    Nel suo discorso all'Assemblea federale, il presidente russo ha sottolineato la necessità della cooperazione tra Mosca e Washington per risolvere i problemi globali e regionali.

    Per Putin è particolarmente importante che la Russia sia in condizioni di parità e uguaglianza nelle relazioni con gli Stati Uniti: solo a queste condizioni la Russia è pronta a collaborare attivamente con l'Occidente, sottolinea il corrispondente di canale televisivo N24 Christoph Wanner.

    Vladimir Putin è intervenuto col suo discorso annuale rivolto alla nazione di fronte quasi un migliaio di funzionari di alto livello al Cremlino. Il presidente russo ha parlato di economia, questioni sociali e politica.

    Ha ammesso che l'economia russa ha da affrontare problemi a prescindere dalle sanzioni occidentali. Nel contesto di questo momento difficile, Putin ha invitato il popolo all'unità.

    Il presidente ha toccato la questione siriana solo alla fine. Ci colleghiamo a Mosca con Christoph Wanner. Che cosa ha detto Putin sulla Siria?

    Christoph Wanner, corrispondente di N24: In effetti Vladimir Putin ha parlato della Siria alla fine del suo discorso. Ha sottolineato l'importanza della lotta contro il terrorismo internazionale per la Russia, dal momento che in Siria ci sono molti islamici radicali di origine russa, provenienti dalla regione difficile del Caucaso settentrionale. Tuttavia, a mio parere, questa è solo una parte della verità.

    La Siria è estremamente importante per Putin perché lo aiuta ad uscire dall'isolamento internazionale in cui era finito dopo la riunificazione della Crimea nel 2014, la politica rigida della Russia nella crisi ucraina e la guerra nel Donbass.

    Putin ha inoltre parlato di cooperazione con gli Stati Uniti in Siria. Su come la vede, abbiamo preparato un piccolo frammento.

    Vladimir Putin, presidente della Federazione Russa: Siamo pronti a collaborare con la nuova amministrazione americana. E' importante iniziare a normalizzare e sviluppare le relazioni bilaterali sulla base dell'uguaglianza, della parità a condizioni reciprocamente vantaggiose.

    La cooperazione tra la Russia e gli Stati Uniti per affrontare le crisi globali e regionali è nell'interesse di tutto il mondo. Abbiamo una responsabilità comune per garantire la sicurezza e la stabilità internazionale. Vorrei sottolineare che il tentativo di rompere la parità strategica è estremamente pericoloso e può portare ad una catastrofe globale.

    Christoph Wanner: La parola chiave è "uguaglianza", "condizioni di parità". Per tradizione è estremamente importante per Putin che gli Stati Uniti si rivolgano da pari a pari. Se il nuovo presidente degli Stati Uniti Trump tratterà la Russia da pari a pari, come formulato oggi da Putin, il capo di Stato russo sarà pronto alla massima cooperazione. Dal punto di vista di Vladimir Putin, questo vale soprattutto per le zone di tensione come il Medio Oriente, dove è necessario agire insieme contro i fondamentalisti del Daesh.

    Correlati:

    Russia, Putin approva nuova linea di politica estera
    Lamberto Dini confida in Trump per la ricostruzione delle relazioni USA-Russia
    Russia, Di Maio:Sanzioni Usa e Ue ostacolano il rafforzamento della sicurezza in Occidente
    Crisi Siria, figlio di Trump ha avuto incontro a Parigi con sostenitori dialogo Russia-USA
    Time: il successo di Trump sarà il ripristino delle relazioni Usa-Russia
    Usa-Russia, Putin: Trump ha confermato di voler migliorare relazioni
    Tags:
    Geopolitica, Terrorismo, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, crisi in Siria, Donald Trump, Vladimir Putin, Donbass, Ucraina, Medio Oriente, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Top stories

    • Matteo Renzi

      Il Referendum Costituzionale in Italia ha visto la vittoria del NO, con il 60% dei voti. Il primo ministro Matteo Renzi si è dimesso.

      15679
    • Il teatro Bolshoi

      Mosca splenderà con le luci italiane, che abbelliranno diverse piazze e vie della capitale russa. È tempo di allegria e serenità, di sogni e speranze per il futuro. Per un vero Capodanno a Mosca non poteva mancare il talento italiano. Italia e Russia, è ora di fare festa insieme!

      4959
    • Petro Poroshenko

      L’avvocato veronese Guariente Guarienti ha depositato una denuncia alla Procura di Verona nei confronti del presidente della Repubblica Ucraina Petr Poroshenko per il mancato ritorno in Italia dei 17 quadri tra cui le opere di Tintoretto, Mantegna e Rubens.

      61277
    • Ministro degli Esteri della Russia Sergey Lavrov

      Dal 1 al 3 dicembre sta svolgendo a Roma il Forum MED "Beyond turmoil, a positive agenda". Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è stato uno dei principali protagonisti del forum. Ha parlato della sicurezza comune, lotta al terrorismo e del futuro del Medio Oriente. Ecco il riassunto del suo intervento.

      131796
    • Visitatori alla più grande mostra al mondo della collezione dei Musei Vaticani Roma Aeterna.

      “Roma Aeterna”, una mostra eccezionale che ha portato a Mosca i tesori della Pinacoteca Vaticana. Un evento senza precedenti: il pubblico russo potrà ammirare alla Galleria Tretyakov 42 capolavori di Caravaggio, Raffaello, Bellini, Guercino, solo per citare alcuni nomi. Viva l’arte, ponte imbattibile fra Russia e Italia.

      3767
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      222539