09:33 05 Dicembre 2016
    Il presidente russo Vladimir Putin

    Russia, Putin approva nuova linea di politica estera

    © Sputnik. Mikhail Klimentiev
    Politica
    URL abbreviato
    31426220

    Il presidente russo Vladimir Putin ha approvato la nuova concezione di politica estera del Paese; il testo del corrispondente decreto è stato pubblicato sul sito delle informazioni legislative dello Stato russo.

    Cresce il ruolo del fattore di forza nelle relazioni internazionali a seguito dell'aggravamento delle contraddizioni e dell'instabilità del sistema politico ed economico, si afferma nella nuova concezione della politica estera russa.

    "Nelle condizioni di aggravamento delle contrapposizioni politiche, sociali ed economiche e di crescita dell'instabilità del sistema politico ed economico globale, aumenta il ruolo del fattore di forza nelle relazioni internazionali", — si afferma nella nuova concezione di politica estera russa, sancita da un decreto presidenziale.

    Nel documento, pubblicato sul portale delle informazioni legali, si osserva che "l'ampliamento e l'ammodernamento delle capacità militari, la creazione e la realizzazione di nuove armi minano la stabilità strategica e minacciano la sicurezza globale, garantita dall'insieme di trattati e accordi in materia di controllo degli armamenti".

    "Nonostante resti non alto il rischio di un conflitto su larga scala, compresa una guerra nucleare tra i Paesi leader, sono in crescita i rischi di un loro coinvolgimento nei conflitti regionali e nelle escalation della crisi", — si afferma nel documento.

    Parallelamente alla forza militare, si rileva nel documento, in primo piano emergono fattori quali l'influenza degli Stati nella politica internazionale così come economica, giuridica, tecnica e informativa.

    "L'ambizione di sfruttare opportunità adeguate per realizzare gli interessi geopolitici danneggia la ricerca delle soluzioni per risolvere le controversie ed i problemi internazionali esistenti con mezzi pacifici sulla base delle norme del diritto internazionale", — si dichiara nella nuova concezione della politica estera russa.

    Inoltre si osserva che costituisce parte integrante della politica internazionale moderna l'uso di strumenti di "forza leggera" per risolvere i problemi di politica estera.

    "Prima di tutto le possibilità della società civile, dell'informazione e della comunicazione e delle tecnologie oltre ai metodi diplomatici tradizionali," — si sostiene nel documento.

     

    Correlati:

    “La politica estera della Russia è un segnale al mondo per cambiare le regole del gioco”
    Lavrov: in elaborazione nuova revisione della concezione di politica estera della Russia
    Tags:
    Diplomazia Internazionale, Geopolitica, Politica Internazionale, politica estera, Vladimir Putin, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • советский
      Ogni problema decadrebbe automaticamente se, gli USA, si decidessero di fare la Federazione Russa degli Stati Uniti d'America! E far acquistare a loro delle ottime Corazzate Potiomkin Made in USSR!!
    • Giuliano
      Questo importante documento d’indirizzo nel quale si realizza l’innalzamento del ‘fattore di forza’ nelle relazioni internazionali, a causa dell’aggravamento della situazione complessiva ma in particolare, evidentemente, per la politica sempre più aggressiva dell’Occidente, è estremamente moderno in quanto prende atto esplicitamente di tutti gli ambiti, oltre a quello militare, nei quali gli Stati possono far emergere contrapposizioni e dare luogo a rapporti di forza: nel gioco della politica internazionale, economico, tecnica, informativa. Queste situazioni sono rappresentate, ad esempio, dalla vicenda siriana, dalla guerra di sanzioni e controsanzioni, dalla guerra per la supremazia nel ciberspazio e da quella, che negli ultimi giorni ha significativamente aumentato il livello d’intensità, sul piano informativo, attraverso i mezzi di comunicazione e ‘propaganda’. È una risposta a 360° all’attacco avviato alla Russia su vari fronti, risposta che vuole valorizzare preventivamente e sistematicamente lo strumento della ‘soft power’ nell’ambito della politica internazionale per la prevenzione o risoluzione dei conflitti, annoverando espressamente la ‘società civile’ come uno degli ambiti di influenza e di contrapposizione.
    Mostra nuovi commenti (0)

    Top stories

    • Matteo Renzi

      Il Referendum Costituzionale in Italia ha visto la vittoria del NO, con il 60% dei voti. Il primo ministro Matteo Renzi si è dimesso.

      15683
    • Il teatro Bolshoi

      Mosca splenderà con le luci italiane, che abbelliranno diverse piazze e vie della capitale russa. È tempo di allegria e serenità, di sogni e speranze per il futuro. Per un vero Capodanno a Mosca non poteva mancare il talento italiano. Italia e Russia, è ora di fare festa insieme!

      4959
    • Petro Poroshenko

      L’avvocato veronese Guariente Guarienti ha depositato una denuncia alla Procura di Verona nei confronti del presidente della Repubblica Ucraina Petr Poroshenko per il mancato ritorno in Italia dei 17 quadri tra cui le opere di Tintoretto, Mantegna e Rubens.

      61280
    • Ministro degli Esteri della Russia Sergey Lavrov

      Dal 1 al 3 dicembre sta svolgendo a Roma il Forum MED "Beyond turmoil, a positive agenda". Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è stato uno dei principali protagonisti del forum. Ha parlato della sicurezza comune, lotta al terrorismo e del futuro del Medio Oriente. Ecco il riassunto del suo intervento.

      131797
    • Visitatori alla più grande mostra al mondo della collezione dei Musei Vaticani Roma Aeterna.

      “Roma Aeterna”, una mostra eccezionale che ha portato a Mosca i tesori della Pinacoteca Vaticana. Un evento senza precedenti: il pubblico russo potrà ammirare alla Galleria Tretyakov 42 capolavori di Caravaggio, Raffaello, Bellini, Guercino, solo per citare alcuni nomi. Viva l’arte, ponte imbattibile fra Russia e Italia.

      3767
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      222540