20:52 02 Dicembre 2016
    Presidente dell'Estonia Kersti Kaljulaid

    Estonia vuole chiarimenti da Trump su impegni della NATO e difesa del Baltico

    © REUTERS/ Ints Kalnins
    Politica
    URL abbreviato
    9522012

    La presidente dell'Estonia Kersti Kaljulaid crede che il neoeletto presidente degli Stati Uniti Donald Trump debba chiarire la sua posizione in relazione alla difesa dei Paesi Baltici.

    In precedenza Donald Trump aveva esternato dichiarazioni scettiche sulla NATO ed aveva minacciato di non difendere i Paesi dell'Alleanza Atlantica che spendono per la difesa una cifra inferiore al 2% del Pil.

    Parlando dei possibili cambiamenti nella politica estera degli Stati Uniti dopo l'elezione alla Casa Bianca di Trump, la Kaljulaid ha detto che deve ancora chiarire la sua posizione, in particolare in relazione all'invio di truppe supplementari della NATO nella regione del Baltico.

    "Vedremo che tipo di posizione prenderà Trump sulla cooperazione transatlantica. Fino a quel momento la decisione della NATO deve essere concretizzata e lo stiamo facendo. Siamo pronti ad accogliere in Estonia i nostri alleati, per questo spendiamo persino più del 2% del Pil. Rispettiamo i nostri impegni per la difesa dei confini orientali della NATO", — ha detto la Kaljulaid in un'intervista con la BBC.

    Correlati:

    Ue-Nato: incontro Juncker, Tusk e Stoltenberg
    Russia, Grushko: l’elezione di Trump terrorizza la NATO
    NI: perché la NATO ha così tanto paura di Kaliningrad
    Stoltenberg invita la Russia a rassegnarsi sull'espansione della NATO
    Per la NATO è azione aggressiva lo schieramento di missili russi a Kaliningrad
    Tags:
    Politica Internazionale, Geopolitica, Difesa, Sicurezza, NATO, Donald Trump, Kersti Kaljulaid, Europa orientale, Paesi Baltici, Russia, USA, Estonia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • giovanni
      A REALIZZARE IL PIU· ANTICO MESTIERE DEL MONDO ,I SOLDINI OLTREOCEANO NON ARRIVANO PIU· LE PROSTITUTE POLITICHE DI REGIME MONDIALISTA DEVONO SUDARE 7 CAMICIE E 7 DERETANI PER SBARCARE IL LUNARIO ........ A LAVORARE E ZAPPARE LA TERRA E· FINITO IL PARASSITISMO DI GRUPPO ,SERVI E VERMI DI REGIME!
    • francescoslossel
      se a qualcuno bruciasse il ... bè, non mi dispicerebbe...
    • francescoslossel
      tttttttttttttttttttt,
      mi sà che sbagli mira...
    • Giuliano
      Ma che differenza fra i commentatori di Sputnik ‘pro Russia’ e quelli ‘contro’: i primi fanno commenti sempre diversi, articolati, appassionati, i secondi ripetono… sempre la stessa cosa, tale e quale… in fotocopia…. evidentemente non riescono ad andare fuori del copione che è stato loro assegnato….
    Mostra nuovi commenti (0)

    Top stories

    • Vladimir Putin parla all'Assemblea Federale

      Vladimir Putin ha firmato una nuova dottrina di politica estera della Russia secondo la quale Mosca è pronta a dare a qualsiasi atto aggressivo da parte di Washington una risposta speculare o asimmetrica.

      41081
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      4426
    • Vladimir Putin

      di Paul Craig Roberts.

      71017
    • Sergio Zanotti

      Si infittisce il mistero sulla scomparsa dell'imprenditore italiano Sergio Zanotti, 56 anni, sequestrato in Siria da un gruppo di sedicenti (o reali?) terroristi e del quale si sa ancora poco.

      1614
    • Il premier italiano Matteo Renzi al summit UE.

      Negli ultimi giorni di convulsa campagna referendaria abbiamo assistito a funamboliche capriole elettorali da parte degli esponenti del governo Renzi, ma l'uscita più ardita rimane quella del premier, che ha tentato di sdoganarsi quale nemico dell'establishment che comanda in Europa.

      121515
    • Vladimir Putin parla all'Assemblea Federale

      La Russia non cerca nemici, ma vuole essere artefice del proprio destino senza suggerimenti altrui non richiesti. Questa è la posizione in politica estera espressa dal presidente Putin davanti all’Assemblea Federale. Pronti a collaborare con Trump, perché dai rapporti bilaterali fra Stati Uniti e Russia dipende la sicurezza mondiale.

      0 631