09:32 05 Dicembre 2016
    Recep Tayyip Erdogan

    Esercito turco in Siria per deporre Assad: parole di Erdogan creano imbarazzo ad Ankara

    © AP Photo/ Francois Mori
    Politica
    URL abbreviato
    91983019

    Le parole del presidente turco Tayyip Erdogan riguardo alle intenzioni di rimuovere dal potere il capo di Stato siriano Bashar Assad non devono essere prese alla lettera, ha dichiarato a RIA Novosti una fonte nell'amministrazione presidenziale turca.

    "Spero che questa incomprensione (con la Russia) venga rapidamente superata," — ha detto la fonte. Ha aggiunto che i commenti ufficiali sulle dichiarazioni di Erdogan possono essere rilasciati solo dai funzionari di alto livello dello Stato turco.

    In precedenza Erdogan, parlando ad una conferenza a Istanbul, ha affermato che l'esercito turco ha avviato l'operazione militare in Siria per porre fine al potere di Assad.

    Più tardi al Cremlino hanno fatto sapere che le sue parole non coincidono con la posizione di Mosca sulla normalizzazione della crisi in Siria ed hanno auspicato chiarimenti da parte di Ankara.

    Inoltre il vice ministro degli Esteri russo Mikhail Bogdanov ha dichiarato che giovedì 1° dicembre le affermazioni di Erdogan saranno oggetto di discussione tra i ministri degli Esteri di Turchia e Russia: Sergey Lavrov e Mevlüt Çavuşoğlu. L'incontro tra i capi delle diplomazie dei due Paesi si svolgerà ad Alanya.

    Correlati:

    Turchia, Assad: Erdogan ha usato pretesto golpe per realizzare suo programma estremista
    Erdogan: con Assad nessun rapporto
    Assad: Erdogan è un fascista
    Tags:
    Geopolitica, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, Opposizione siriana, Mevlut Cavusoglu, Mikhail Bogdanov, Recep Erdogan, Sergej Lavrov, Medio Oriente, Siria, Turchia, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • lothario
      "Erdogan, parlando ad una conferenza a Istanbul" -

      Erdogan ha fatto le sue farneticanti dichiarazioni parlando davanti al primo "Simposio inter-parlamentare della Piattaforma Gerusalemme", che è un organismo dichiaratamente SIONISTA; non è un dettaglio, ed almeno Sputnik avrebbe potuto dirlo, visto che nessun giornale occidentale lo ha fatto.
      Erdogan non ha avuto gli attributi, né per lasciare la Nato né per mettersi contro la lobby sionista; è un ex attaccante fallito, e si è confermato tale, sbagliando il più facile dei rigori a porta vuota.
      I sionisti lo hanno quindi richiamato all'ordine, e lui ha diligentemente belato il mantra collettivo delle pecore occidentali: "Assad must go".
    • francescoslossel
      per me, non è quello che sembra, almeno spero!
    • belli corradoIn risposta lothario(Mostra commentoNascondi commento)
      lothario, I Rothschild hanno promesso montagne di oro a Erdogan,lo stesso hanno fatto con la Clinton, ma in ambedue i casi hanno fallito, adesso sono subentrati i criminali della B'nai B'rith e Erdogan deve rigare dritto mantenendo sempre la linea per deporre Assad.....ma di già molti cittadini Turchie Curdi che vivono in Germania hanno manifestato il loro disapprovo e stanno costituendo delle Brigade per impossesarsi della LORO Turchia enon di Erdogan-

      Saluti
    • nikita
      Erdo, lascia stare!
      Ci crei imbarazzo....e poi ancora con questa Siria!
      Non fa per te, credimi!
    • test_troll
      test
    • fabio
      Si crede di essere l'ago della bilancia della politica del medio oriente, l'ultimo profeta di Allah, l'ultimo immortale con licenza di uccidere, insomma l'ultimo stronzo! Come meriteresti di fare la stessa fine di Gheddafi!
      Dio lo voglia!
    • lotharioIn risposta belli corrado(Mostra commentoNascondi commento)
      "stanno costituendo delle Brigade per impossessarsi della LORO Turchia" -

      belli corrado, dovremmo farlo anche in Italia, e nel resto d'Europa.
      Un saluto.
    Mostra nuovi commenti (0)

    Top stories

    • Matteo Renzi

      Il Referendum Costituzionale in Italia ha visto la vittoria del NO, con il 60% dei voti. Il primo ministro Matteo Renzi si è dimesso.

      15679
    • Il teatro Bolshoi

      Mosca splenderà con le luci italiane, che abbelliranno diverse piazze e vie della capitale russa. È tempo di allegria e serenità, di sogni e speranze per il futuro. Per un vero Capodanno a Mosca non poteva mancare il talento italiano. Italia e Russia, è ora di fare festa insieme!

      4959
    • Petro Poroshenko

      L’avvocato veronese Guariente Guarienti ha depositato una denuncia alla Procura di Verona nei confronti del presidente della Repubblica Ucraina Petr Poroshenko per il mancato ritorno in Italia dei 17 quadri tra cui le opere di Tintoretto, Mantegna e Rubens.

      61277
    • Ministro degli Esteri della Russia Sergey Lavrov

      Dal 1 al 3 dicembre sta svolgendo a Roma il Forum MED "Beyond turmoil, a positive agenda". Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è stato uno dei principali protagonisti del forum. Ha parlato della sicurezza comune, lotta al terrorismo e del futuro del Medio Oriente. Ecco il riassunto del suo intervento.

      131796
    • Visitatori alla più grande mostra al mondo della collezione dei Musei Vaticani Roma Aeterna.

      “Roma Aeterna”, una mostra eccezionale che ha portato a Mosca i tesori della Pinacoteca Vaticana. Un evento senza precedenti: il pubblico russo potrà ammirare alla Galleria Tretyakov 42 capolavori di Caravaggio, Raffaello, Bellini, Guercino, solo per citare alcuni nomi. Viva l’arte, ponte imbattibile fra Russia e Italia.

      3767
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      222539