18:20 25 Febbraio 2018
Roma+ 13°C
Mosca-14°C
    Rodrigo Duterte, presidente delle Filippine

    Filippine, il presidente Duterte vuole l'amicizia di Putin e Trump

    © REUTERS/ Erik De Castro
    Politica
    URL abbreviato
    2120

    Il capo di Stato delle Filippine Rodrigo Duterte, noto per le sue dichiarazioni e giudizi senza mezzi termini dei leader mondiali, si è detto fiducioso che con il nuovo presidente Donald Trump miglioreranno le relazioni con gli Stati Uniti, così come ha parlato delle aspettative dell'incontro con il presidente russo Vladimir Putin in Perù.

    Lo ha riferito l'agenzia Associated Press.

    Durante una conferenza stampa hanno chiesto a Duterte se potranno migliorare le relazioni con gli Stati Uniti dopo l'elezione alla Casa Bianca di Trump.

    "Sono sicuro che non abbiamo conflitti. Posso far amicizia con chiunque," — ha detto Duterte.

    Il presidente filippino ha inoltre dichiarato di aver chiesto un incontro con Putin al prossimo vertice dell'APEC in Perù. Nelle intenzioni di Duterte, le Filippine e la Russia devono diventare i "migliori amici".

    In precedenza il presidente delle Filippine aveva dichiarato che per il suo Paese era giunto il momento di "dire addio" agli Stati Uniti. In seguito Duterte ha ammorbidito i toni, dichiarando che il suo Paese non può rompere le relazioni con gli Stati Uniti e i filippini "non hanno alcuna necessità di allineare le proprie politiche con la linea degli Stati Uniti."

    Il capo di Stato filippino è noto per i suoi giudizi senza mezzi termini sui leader tutto il mondo. Alla vigilia del vertice del G20 in Cina aveva chiamato Obama "figlio di p.." per la notizia secondo cui il presidente statunitense avrebbe voluto sollevare il tema delle uccisioni di più di 2mila persone a seguito della lotta contro la criminalità e il narcotraffico di Duterte. In seguito ha chiamato "stupido" il segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon, a seguito delle dichiarazioni delle Nazioni Unite sulle violazioni dei diritti umani. Inoltre ha usato espressioni irriverenti contro il Papa e l'ambasciatore degli Stati Uniti a Manila.

    Correlati:

    Filippine, presidente Duterte dice no agli acquisti di armi in USA
    Duterte in Cina: “è l'ora di dire addio agli USA, Filippine non saranno più una colonia”
    Filippine, presidente Duterte manda all'inferno Barack Obama
    Washington inizia la preparazione per il colpo di stato nelle Filippine
    Presidente delle Filippine manda al diavolo la UE
    Tags:
    Geopolitica, Politica Internazionale, APEC, Rodrigo Duterte, Donald Trump, Vladimir Putin, Filippine, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik