12:42 19 Giugno 2018
Esercito siriano

Assad pronto a collaborare con Trump “se diventerà alleato della Siria”

© Sputnik . Michael Alaeddin
Politica
URL abbreviato
3210

Il presidente siriano Bashar Assad ha dichiarato di non poter fare previsioni sulle azioni del nuovo presidente repubblicano Donald Trump, ma se combatterà contro il terrorismo diventerebbe un "alleato naturale" della Siria, come la Russia o l'Iran.

Trump è stato eletto presidente degli Stati Uniti l'8 novembre e assumerà l'incarico il prossimo 20 gennaio. In base alle sue dichiarazioni rese durante la campagna elettorale, ha messo al primo posto la lotta contro i terroristi dello "Stato Islamico". Inoltre Trump ha dichiarato di voler migliorare le relazioni con la Russia, iniziando insieme la lotta contro il Daesh.

"Non possiamo dire nulla su quello che ha intenzione di fare, ma se davvero intende combattere contro il terrorismo, logicamente diventeremo alleati naturali in questo, come con la Russia, l'Iran e molti altri Paesi,"- ha detto Assad in un'intervista con il canale televisivo portoghese RTP.

Ha allo stesso tempo osservato di non avere grandi aspettative in relazione con l'elezione di Trump alla Casa Bianca, dal momento che l'amministrazione americana "è composta da varie forze" che influenzeranno le decisioni del presidente.

"Pertanto occorre aspettare fino a quando non inizierà il suo mandato o almeno dopo 2 mesi della sua presidenza", — ha detto il leader siriano.

Secondo Assad, nell'ambito della lotta contro il terrorismo Damasco è pronta a cooperare con tutti senza alcuna condizione.

"Questa è l'essenza della nostra politica, che non si è formata né oggi nè ieri. E' stato così per molti anni, lo abbiamo sempre dichiarato", — ha affermato, sottolineando che la Siria ha sofferto il terrorismo più di qualsiasi altro Paese nel mondo.

Tuttavia, ha proseguito Assad, riguardo la cooperazione nella lotta contro il fondamentalismo occorre tenere a mente solo la collaborazione con le autorità siriane, non con isolati gruppi politici all'interno del Paese.  

"Qualsiasi collaborazione che bypassa il governo siriano non è legittima. E' illegale, non possiamo cooperare con chi non lo riconosce e non lo accetta," — ha aggiunto il presidente siriano.

Correlati:

Per Trump “un'idiozia” combattere contemporaneamente contro il Daesh e Assad
“Trump è stato votato per la promessa di collaborare con Putin in Siria”
Siria, consigliere Trump: per fine conflitto fondamentale cooperazione fra Usa e Russia
Tags:
Terrorismo, Geopolitica, Politica Internazionale, Opposizione siriana, crisi in Siria, Bashar al-Assad, Donald Trump, USA, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik