00:43 30 Ottobre 2020
Politica
URL abbreviato
7220
Seguici su

Le autorità ucraine smentiscono le fornitura di gas dalla Crimea nel distretto di Genichesk della regione di Kherson perché altrimenti avrebbero dovuto ammettere l'impotenza e l'incapacità di aiutare i propri cittadini nei momenti di difficoltà, ha dichiarato il vice premier del governo della penisola russa Dmitry Polonsky.

In precedenza, durante un incontro con l'amministratore della Crimea Sergey Aksenov a Yaroslavl, il presidente russo Vladimir Putin gli aveva disposto di garantire le forniture di gas nel distretto di Genichesk della regione ucraina di Kherson in risposta alla richiesta degli abitanti della zona pervenuta alle autorità della penisola. Alle 20.28 di sabato sera è stata effettuata la prima fornitura di gas verso l'Ucraina, hanno riferito le autorità della Crimea.

Allo stesso tempo Kiev ha negato questa informazione, affermando che il distretto viene alimentato dal gas estratto dalla Striscia di Arabat.

"Il quadro è perfettamente chiaro. Se riconoscessero il fatto delle forniture di gas dalla Crimea, sarebbe per loro una disfatta.In primo luogo sarebbe un'ammissione di impotenza per garantire servizi e l'ordine nelle zone meridionali della regione di Kherson. Dimostrerebbe la loro impotenza e incapacità di assicurare forniture stabili di gas per la popolazione,"- ha detto Polonsky a RIA Novosti.

L'esponente del governo della Crimea ritiene che in futuro le autorità ucraine continueranno a negare l'evidenza.

"Dietro la loro retorica bellicosa e minacciosa c'è il vuoto completo, la totale incapacità di controllare il proprio territorio e monitorare la situazione, in particolare nel difficile periodo autunnale e invernale," — ha sottolineato Polonsky.

Correlati:

Autorità Crimea rivelano quanto gas forniranno in Ucraina
Tags:
Energia, Gas della Russia, Dmitry Polonsky, Sergej Aksenov, Kherson, Crimea, Ucraina, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook