22:50 14 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
16142
Seguici su

L'Ucraina ha presentato alle Nazioni Unite una bozza di risoluzione sui diritti umani in Crimea, intimando alla Russia di far entrare ispettori internazionali nella penisola, riporta l'agenzia France-Presse. Il vice rappresentante russo all'ONU ha caratterizzato il documento come un tentativo di fare pressione su Mosca.

Secondo l'agenzia, il documento condanna i casi di "discriminazione" in Crimea e invita la Russia a "prendere tutte le misure necessarie per porre immediatamente fine a tutte le violazioni contro gli abitanti della Crimea" e cooperare con il dipartimento delle Nazioni Unite sui diritti umani, col fine di elaborare una relazione sulla situazione nella penisola. Inoltre il documento invita Mosca a riconsiderare la sua decisione sul cosiddetto Majlis del popolo tartaro di Crimea, riconosciuto come un'organizzazione estremista islamica.

Come sottolineato da France-Presse, la proposta di risoluzione è stata presentata dall'Ucraina e sostenuta da 38 Paesi, tra cui Stati Uniti, Regno Unito e Francia.

"Lo scopo principale della risoluzione è sollecitare la Federazione Russa a garantire il pieno rispetto dei suoi obblighi come potenza occupante in base al diritto internazionale con lo scopo di garantire un accesso sicuro e senza ostacoli ai meccanismi internazionali per il controllo dei diritti umani nel territorio temporaneamente occupato della penisola col fine di monitorare e riferire la situazione in conformità con il loro mandato," — si legge nella dichiarazione della missione diplomatica dell'Ucraina presso le Nazioni Unite.

Il vice rappresentante permanente della Russia all'ONU Evgeny Zagaynov ha definito il documento di parte, sottolineando che nel testo non si fa menzione alle misure adottate da Kiev nei confronti della Crimea quali la sospensione del commercio, l'interruzione delle forniture idriche e di energia elettrica e dell'erogazione dei servizi bancari.

Il diplomatico ha inoltre accusato l'Ucraina di "esasperare la campagna mediatica contro la Russia nel tentativo di esercitare pressioni sul nostro Paese."

Correlati:

Sanzioni UE contro deputati della Crimea, la Russia adotterà misure contro Bruxelles
Crimea, Aksenov: non soffriamo la mancanza di investimenti
Siria riconosce ufficialmente la riunificazione della Crimea con la Russia
Imprenditori italiani rivelano lo schema per aggirare le sanzioni UE contro la Crimea
La Catalogna riconoscerà l’appartenenza russa della Crimea
“La Crimea ancora una volta ha mandato a quel paese Kiev”
Tags:
Tatari di Crimea, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, Occidente, ONU, Crimea, Ucraina, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook