08:02 09 Dicembre 2019
Leader dei conservatori islandesi Bjarni Benediktsson

In Islanda vincono i conservatori, i Pirati anti-casta entrano in Parlamento

© REUTERS / Geirix
Politica
URL abbreviato
160
Seguici su

Il Partito dell'Indipendenza di orientamento conservatore è in testa dopo lo spoglio di quasi l'80% delle schede, ha riferito la commissione elettorale del Paese.

"Dopo lo spoglio del 79,5% delle schede elettorali, guida il Partito dell'Indipendenza. Ha il 30,1% dei voti," — riporta la Commissione.

Al secondo posto si piazza la sinistra radicale e ambientalista col 16,8% dei voti. Il Partito dei Pirati, motivo di grande intrigo e preoccupazione per la sua posizione anti-sistema, ottiene il 13,8%.

Il "capitano" del movimento (ufficialmente non ci sono leader) Birgitta Jónsdóttir, dopo che in alcuni sondaggi alla vigilia del voto davano la sua forza vincitrice, ha spiegato:

"in ogni caso si tratta di un ottimo risultato, un folto gruppo di nostri compagni siederà in Parlamento e potrà lavorare", — ha detto.

Al 4° posto si piazza il Partito della Rinascita, fondato alla vigilia delle elezioni, che annovera i sostenitori dell'adesione dell'Islanda all'Unione Europea. Per questo partito, secondo i dati preliminari, ha votato il 10,7% degli islandesi.

Il Partito Progressista, in precedenza al governo, che ha registrato un crollo drammatico dei suoi consensi dopo lo scandalo attorno ai cosiddetti "Panama papers" e le dimissioni del primo ministro, secondo i dati preliminari otterrebbe solo il 9,3% dei voti.

Tags:
politica interna, euroscetticismo, elezioni parlamentari, Islanda
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik