Widgets Magazine
02:32 12 Novembre 2019
Boris Johnson

UK, per ministro Boris Johnson la Russia può diventare uno “Stato dannato”

© AFP 2019 / Kirsty Wigglesworth
Politica
URL abbreviato
14050
Seguici su

Il capo della diplomazia britannica Boris Johnson ha dichiarato che la Russia deve rispettare le richieste della comunità internazionale, smettendo di sostenere Bashar Assad e garantendo una “tregua vera” in Siria, altrimenti diventerà un Paese dannato.

"Se la Russia continua a seguire la stessa strada su cui si trova ora, diventerà uno Stato dannato", — ha detto Johnson, intervenendo oggi in Parlamento durante una sessione speciale sulla Siria.

"La Russia dovrebbe fare la cosa giusta, prendere l'iniziativa e smettere di sostenere i loro fantocci nel regime di Assad per assicurare una tregua vera", — ha dichiarato il ministro degli Esteri.

Negli ultimi mesi la situazione ad Aleppo si è seriamente aggravata: in città si combatte duramente e viene bombardata. Gli Stati Uniti accusano le autorità siriane e la Russia di bombardare i civili e l'opposizione armata anti-Assad. Damasco e Mosca insistono sul fatto che i loro raid sono diretti esclusivamente contro i terroristi e affermano che Washington non riesce ad influenzare "l'opposizione moderata" per dissociarsi dai gruppi fondamentalisti.

Sabato scorso la Russia, esercitando il diritto di veto, ha bloccato la risoluzione al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite proposta dalla Francia per imporre il cessate il fuoco ad Aleppo. Anche la bozza di risoluzione proposta dalla Russia è stata respinta.

Correlati:

A Londra paragonano le azioni della Russia in Siria ai raid nazisti in Spagna
ONU, crisi Siria: Russia invita Londra a rinunciare alla sua tradizione coloniale
Zakharova sicura, Russia affronta fase estrema della guerra d'informazione dell'Occidente
I soldati russi danno il pane agli abitanti di Aleppo
Russia accusa: ad Aleppo i ribelli anti-Assad tengono in ostaggio i civili
Esercito siriano continua ad avanzare nei quartieri ribelli di Aleppo
Tags:
Geopolitica, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, crisi in Siria, Boris Johnson, Bashar al-Assad, Aleppo, Gran Bretagna, Siria, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik