11:35 09 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
7023
Seguici su

Kiev lavora sulla proposta di ritirare la propria aderenza alla CSI (Comunità degli Stati Indipendenti), ha annunciato domenica il Ministro degli esteri ucraino Pavel Klimkin durante una trasmissione sul canale televisivo “112 Ucraina”.

Dopo il cambio di potere in Ucraina nel febbraio 2014 la nuova leadership della nazione ha annunciato di voler ritirare la propria aderenza alla Comunità. Più tardi Kiev ha revocato dal comitato esecutivo dell'organizzazione il proprio rappresentante Anatolij Dron.

"Stiamo valutando la proposta di uscire dalla CSI. Abbiamo diverse decine di accordi riguardanti, ad esempio, il riconoscimento reciproco dei diplomi, dei pagamenti e delle pensioni. Adesso porteremo a termine il lavoro che ci permetterà di regolare questo accordo. Noi speriamo fortemente che potremo gestire questi accordi autonomamente quando la questione si porrà di nuovo. Io per l'appunto sono un sostenitore coerente del ritiro dalla CSI" ha dichiarato il ministro.

Alla metà di aprile 2015 Klimkin ha sostenuto che fosse opportuna l'uscita della nazione dalla Comunità. Secondo le sue parole Kiev parteciperà alle riunioni della CSI solo quando sarà necessario "ottenere qualcosa di specifico".

Il presidente della Bielorussia Aleksandr Lukashenko ha successivamente dichiarato che l'uscita dell'Ucraina dalla CSI sarà improbabile, ma che di fatto voglia ritirare la propria partecipazione in modo da non dover contribuire al bilancio generale della Comunità.

Correlati:

Russia, Ucraina non farà parte della missione degli osservatori Csi a prossime elezioni
Al via esercitazione di difesa aerea integrata dei paesi CSI
Bielorussia, missione Csi dichiara svolgimento elezioni “aperto e trasparente”
Tags:
Comunità degli Stati Indipendenti (Cis), Pavel Klimkin, Ucraina
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook