20:34 21 Aprile 2021
Politica
URL abbreviato
22136
Seguici su

Washington non esclude raid aerei contro le forze di Damasco, anche se dubita che queste azioni siano nell'interesse degli Stati Uniti, ha detto ai giornalisti in una conferenza stampa il portavoce della Casa Bianca Josh Earnest.

"Azioni militari contro il regime di Assad per risolvere la situazione ad Aleppo difficilmente raggiungeranno gli obiettivi che vedono molti oggi, relativamente alla riduzione della violenza. E' molto più probabile che portino a conseguenze imprevedibili che non sono esattamente in linea con i nostri interessi nazionali", — ha detto Earnest.

In precedenza nei media statunitensi era trapelata la notizia, secondo cui l'amministrazione americana starebbe valutando attacchi mirati contro obiettivi militari dell'esercito governativo siriano.

Il ministero della Difesa russo ha rilevato che tali "fughe di notizie" nei media occidentali possono fare da prologo ad azioni concrete ed ha raccomandato ai "partner di Washington di valutare con attenzione le possibili conseguenze della realizzazione di tali piani."

Gli Stati Uniti hanno sospeso la cooperazione con la Russia sulla Siria questa settimana, ma il segretario di Stato americano John Kerry e il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov continuano ad avere conversazioni telefoniche sulla crisi in questo Paese.

Washington ha motivato la sua decisione con il mancato adempimento di Mosca dei propri obblighi. Il ministero degli Esteri russo ha respinto le accuse, sostenendo che gli Stati Uniti non hanno onorato gli impegni assunti, tra cui la dissociazione dell'opposizione "moderata" dai terroristi.

Correlati:

Russia ricorda agli USA raggio d'azione dei lanciamissili S-300 schierati in Siria
Ministero Difesa russo ritiene possibile attacco USA contro l'esercito siriano
La Zakharova vaglia l’ipotesi di collisione militare contro gli USA
Tags:
Casa Bianca, Geopolitica, Difesa, Sicurezza, crisi in Siria, Esercito della Siria, Josh Earnest, Bashar al-Assad, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook