07:22 09 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
1102
Seguici su

Il presidente delle Filippine Rodrigo Duterte si è "profondamente" scusato con la comunità ebraica per la sua infelice uscita sull'Olocausto e sul paragone con Hitler, segnala la Reuters.

In precedenza Duterte aveva fatto un'altra dichiarazione scandalosa, confrontandosi con Adolf Hitler che ha ucciso milioni di ebrei, sottolineando che "sarei felice di uccidere 3 milioni di tossicodipendenti filippini".

"Da parte mia, non vi era alcuna intenzione di profanare la memoria dei 6 milioni di ebrei uccisi. Porgo le mie più sentite scuse alla comunità ebraica. Il problema è che sono stato criticato per il confronto con Hitler", — l'agenzia riporta le parole di Duterte.

Secondo il presidente delle Filippine, ha usato questo paragone per mostrare in quale luce i suoi avversari stanno cercando di metterlo.

"Sono stato trattato come se fossi Hitler, che ha ucciso un sacco di gente," — ha detto.

Non è la prima dichiarazione controversa del capo di Stato delle Filippine. Alla vigilia del vertice del G20 in Cina, ha chiamato il presidente degli Stati Uniti Barack Obama "figlio di pu….." e poi "ha mandato al diavolo" la UE, dopo l'approvazione di una risoluzione di condanna sui suoi metodi nella lotta contro il narcotraffico.

Eletto a maggio alla presidenza, Rodrigo Duterte è un sostenitore della tolleranza zero contro i tossicodipendenti e il narcotraffico. Secondo la polizia, da quando è salito al potere sono state uccise circa 2.400 persone legate al mondo della droga.

Correlati:

Filippine, Duterte: “Ripristinare la pena di morte nel Paese”
Filippine, Duterte choc: Giusto assassinare i giornalisti
Quale rischio corre il presidente delle Filippine?
Washington inizia la preparazione per il colpo di stato nelle Filippine
Il presidente delle Filippine continua con gli insulti: Ban Ki-moon è uno stupido
Tags:
ebrei, Nazismo, Droga, Olocausto, Adolf Hitler, Rodrigo Duterte, Filippine
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook