08:59 09 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
5290
Seguici su

Il Segretario del Consiglio Supremo di Sicurezza Nazionale iraniano Ali Shamkhani reputa la credibilità degli USA fittizia.

Il Segretario del Consiglio Supremo di Sicurezza Nazionale iraniano Ali Shamkhani ha detto che "decisioni più serie" verranno prese dal suo Paese nel caso gli Stati Uniti decidessero di non rispettare gli obblighi degli accordi sul nucleare o in caso di ritardo nella vendita di aerei passeggeri all'Iran. In precedenza le autorità statunitensi avevano concesso una licenza per l'export in Iran di aerei passeggeri Airbus e avevano fornito un'autorizzazione alla compagnia Boeing per la vendita di aerei.

"Se constateremo che gli Stati Uniti creeranno problemi per la vendita degli aerei passeggeri all'Iran, prenderemo delle decisioni più serie per vedere i nostri diritti garantiti",

ha dichiarato Shankhani, citato dall'agenzia Tasnim.

Il Segretario ha anche sottolineato che la notevole esperienza maturata dall'Iran, durante i negoziati per la questione del nucleare o su altre problematiche come il cessate il fuoco in Siria e le sanzioni economiche, suggerisce che la credibilità degli Stati Uniti sia fittizia.

L'accordo sul programma nucleare iraniano è stato firmato il 14 luglio 2015 a Vienna. Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite il 20 luglio ha approvato la risoluzione 2231 con il sostegno del Ministro degli Affari Esteri della Federazione russa.

Dal il 16 gennaio 2016 l'Iran si è liberato dalla maggior parte delle sanzioni imposte al Paese e, proprio quello stesso giorno, l'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica ha presentato una relazione in cui si confermava la volontà delle Autorità iraniane a realizzare, dopo lunghe trattative, il programma per una riduzione significativa del loro potenziale nucleare. 

Correlati:

L’Iran invita gli USA ad agevolare lo sviluppo dell’aviazione civile nazionale
Tags:
Sanzioni, Nucleare, aerei, accordo nucleare, Ali Shamkhani, Iran, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook