19:30 14 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
3340
Seguici su

Intervenendo all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il vicepresidente americano Joe Biden ha dichiarato che almeno 5 Paesi della UE sono pronti a rinunciare alle sanzioni contro Mosca alla prima occasione.

Quali governi in concreto vogliano rompere la politica delle sanzioni occidentale contro la Russia non sono stati specificati da Biden. Tuttavia, analizzando le recenti dichiarazioni dei rappresentanti dei diversi Paesi europei, possiamo concludere che nel quintetto "ribelle" ci sono l'Italia e la Francia. Come affermato al giornale russo "Izvestia" l'eurodeputato italiano Fabio Massimo Castaldo (M5S), Bruxelles non dovrebbe solo rinunciare alle inutili misure afflittive economiche, ma anche ripensare seriamente al corso della sua politica estera.

— Siamo profondamente convinti che la UE debba riconsiderare la sua politica estera. La prima cosa da cui dovremmo iniziare è il ripristino di un dialogo serrato e costruttivo con la Russia. E' la nostra priorità. Prima di tutto la UE dovrebbe abbandonare le assurde sanzioni antirusse che non solo sono inutili da un punto di vista politico, ma arrecano gravi danni all'export italiano. Riguarda particolarmente il settore alimentare, tessile ed automobilistico. Siamo convinti che la UE e la Russia come vicini debbano cooperare in modo costruttivo nell'interesse dei propri cittadini. Continueremo a lavorare in questa direzione, — ha sottolineato Fabio Castaldo.

Oltre che in Italia anche in Francia c'è un sentimento diffuso contrario alle sanzioni contro la Russia. L'Assemblea Nazionale (camera bassa del Parlamento) ha votato per primo tra i Paesi europei la mozione per la revoca delle restrizioni economiche contro la Russia.

In questo caso, come già sottolineato in un'intervista con "Izvestia" dal deputato repubblicano Thierry Mariani, questa posizione è in gran parte dettata dalla riluttanza delle autorità ucraine di onorare gli accordi di Minsk sul Donbass.

Correlati:

Fabio Massimo Castaldo: sanzioni creano nuovi problemi
“La UE potrebbe imporre sanzioni contro Kiev per il Donbass”
Putin: per recuperare le relazioni con noi gli USA devono annullare le sanzioni
Per il Cremlino non ha futuro la retorica delle sanzioni contro la Russia
L’Europa aggira le sanzioni e continua a fare affari con la Crimea
Tags:
Accordi di Minsk, Dialogo, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, sanzioni antirusse, Unione Europea, Thierry Mariani, Fabio Massimo Castaldo, Joe Biden, UE, Donbass, Italia, Ucraina, Francia, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook