11:22 23 Settembre 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 8°C
    Scontri tra dimostranti e polizia a Kiev (2014)

    Ucraina e Turchia: Lavrov accusa l'Occidente di doppi standard sui colpi di stato

    © Sputnik. Andrei Stenin
    Politica
    URL abbreviato
    81892373

    Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha accusato l'Occidente di due pesi e due misure nell'approccio alla valutazione dei colpi di stato in diversi Paesi. A titolo di esempio il capo della diplomazia russa ha citato gli sviluppi avvenuti in Turchia ed Ucraina.

    Secondo Lavrov, relativamente al caso dell'Ucraina gli Stati Uniti si sono inventati il mito della minaccia russa "per rafforzare la loro influenza in Europa". Allo stesso tempo l'Occidente ha sostenuto attivamente il colpo di stato a Kiev che ha rovesciato il presidente Viktor Yanukovych.

    "I doppi standard sono evidenti. A nessuno dei nostri partner occidentali è venuto in mente di parlare dell'Ucraina allo stesso modo del colpo di stato in Turchia, dopo il quale è stato affermato: qualsiasi golpe è inaccettabile", — ha evidenziato il ministro in un'intervista con la rivista "Politica Estera e di Difesa della Russia".

    Il ministro russo ha inoltre ricordato che nel caso della Turchia rispetto al tentativo di colpo di stato, duramente criticato, l'Occidente non aveva alcun obbligo nei riguardi di Ankara.

    Relativamente alla questione ucraina la Francia, la Germania e la Polonia si erano fatti garanti dell'accordo tra il presidente Yanukovych e l'opposizione. Il corrispondente documento era stato firmato il 20 febbraio 2014.

    "Al mattino è saltato tutto, si sono lavati le mani dicendo che "è avvenuto così, ci dispiace". Quando abbiamo cercato di metterli in imbarazzo, affermando che l'accordo era stato garantito da loro si sono messi in disparte e nascosti col loro imbarazzo," — ha detto Lavrov, aggiungendo che anche gli Stati Uniti sono rimasti in un "vergognoso silenzio".

    "C'erano degli impegni da parte della UE, c'erano le firme. E' doppiogiochismo", — ha concluso il ministro degli Esteri russo.

    Sergei Lavrov è convinto che i Paesi occidentali erano interessati al cambio di potere in Ucraina.

    "Dicono che non era preparato, che la gente si è semplicemente ribellata, ma sappiamo che questo non è vero", — ha detto.

    Secondo il capo della diplomazia russa, ci sono i documenti che suggeriscono che la NATO avesse chiesto a Yanukovych di non usare l'esercito contro i manifestanti. Tuttavia l'Occidente ha sostenuto l'operazione militare nel Donbass, che il nuovo governo ha iniziato subito dopo il colpo di stato.

    "Non c'è neanche bisogno di spiegare come si chiama questa cosa," — ha aggiunto Lavrov.

    Correlati:

    Financial Times: Trump fa tremare Ucraina post-Maidan, Kiev pronta a tutto per fermarlo
    Caso Maidan, ex presidente Yanukovych chiede confronto con Poroshenko e Yatsenyuk
    A 2 anni da Maidan il governo ucraino rischia di fare la fine della rivoluzione arancione
    Kiev chiede alla tv francese di censurare documentario su tragedia di Odessa e Maidan
    Caviale, musica, donne, lusso: a Kiev la crisi non colpisce i politici post-Maidan filo-UE
    Corruzione, oligarchi ed Europa lontana: in Ucraina non è cambiato nulla dopo Maidan
    Tags:
    Politica Internazionale, Maidan, Colpo di stato in Turchia, Colpo di stato in Ucraina, Unione Europea, Viktor Yanukovych, Sergej Lavrov, Turchia, UE, Ucraina, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik